Uncategorized

La Uil non si asfalta! Il Consigliere Cardile interroga il Sindaco

   La Uil non si asfalta! Il Consigliere Cardile interroga il Sindaco

Il linguaggio inquietante del Segretario generale produce l’interrogazione di Cardile del Pd.

AL  SIG SINDACO DEL COMUNE DI MESSINA

PROF. RENATO ACCORINTI

                                                           SEDE

 

 

OGGETTO :    INTERROGAZIONE IN MERITO ALLE DICHIARAZIONI  DEL SEGRETARIO                                    GENERALE DEL COMUNE DI MESSINA FATTE DURANTE L’ULTIMO TAVOLO DI                        CONCERTAZIONE DEL 21/07/2017.

PREMESSO      che alcuni organi di stampa hanno pubblicato una nota a firma del Segretario                           Generale della UIL Ivan Tripodi e del Segretario Generale della UIL-FPL Pippo                            Calapai, con la quale si stigmatizza quanto dichiarato dal Segretario Generale del                  Comune di Messina Antonio Le Donne durante l’ultimo tavolo di concertazione                             tenutosi il 21/07/2017;

CONSIDERATO            che si legge nella nota stampa di cui sopra che in detta riunione il dottore Le Donne ha minacciato di voler “Asfaltare” i rappresentanti sindacali della UIL-FPL se non avessero ritirato delle dichiarazioni precedentemente fatte;

TENUTO CONTO        che non siamo in periodo di dittatura e che, nel rispetto della dignità di tutti                              e soprattutto nel rispetto della legge, ognuno deve essere libero di poter                                   esprimere la propria opinione;

Per quanto sopra

INTERROGA

il signor Sindaco del Comune di Messina al fine di comprendere quale sia la posizione dell’Amministrazione Comunale in merito alla sgradevole affermazione del Dottore Le Donne e quali iniziative la S.V. voglia mettere in atto per tutelare  le organizzazioni sindacali.

 

 

Messina, lì 25/07/2017                                                                                              Consigliere Comunale

Claudio Cardile

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *