calabria campania primo piano

Napoli. Muore in un incidente nautico Cristina Frazzica

Muore in un incidente nautico Cristina Frazzica. La tragedia è avvenuta all’altezza di Villa Rosebery, la residenza del Presidente della Repubblica a Napoli, il kayak sul quale Cristina Frazzica, 30 anni, era in compagnia di un amico, è stato investito da una barca e si è rovesciato: la giovane donna è stata trovata morta in mare. A colpire il natante a remi, in pieno, sarebbe stato un motoscafo cabinato di medie dimensioni.  Cristina Frazzica, era nata a Taurianova, ma il cognome denota una origine familiare chiaramente messinese, ha vissuto a Voghera e, come raccontano le tante foto sui suoi profili social, da un po’ di mesi era a Napoli per motivi di studio: laureata in Biotecnologie del Farmaco a Milano, frequentava la PharmaTech Academy della Federico II a Scampia. Ieri aveva deciso di trascorrere la giornata in kayak in compagnia di un amico, un giovane penalista di San Giovanni a Teduccio, Vincenzo Carmine Leone, di 33 anni. L’uomo è stato soccorso in mare, in stato di choc da un’altra imbarcazione che era riuscito ad allertare, sbracciandosi, dopo aver recuperato il kayak. Sul posto è intervenuta la Guardia costiera, allertata dal proprietario di un motoscafo che transitava in zona. Secondo una prima ricostruzione la canoa si sarebbe rovesciata in seguito a una collisione con un natante che poi si sarebbe allontanato, senza prestare soccorso. Le operazioni di ricerca del natante, coordinate dalla Procura di Napoli, che ipotizza i reati di omicidio colposo e omissione di soccorso, saranno messe a punto nel corso di un briefing: secondo le prime informazioni, il kayak sarebbe stato investito da un’imbarcazione a motore di medie dimensioni che da Nord procedeva verso gli attracchi partenopei di Mergellina e Napoli. Ma potrebbe essere stata diretta  anche nei moli più a Sud, sui quali ora si concentreranno i controlli agli attracchi. Gli inquirenti, la Capitaneria di porto, competente per i sinistri in mare, e i finanzieri sono anche alla ricerca delle testimonianze di chi potrebbe avere visto il disastro, costato la vita a Cristina Frazzica. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *