primo piano

Chi contesta Mattarella perde buona occasione per tacere

Enzo Palumbo: chi contesta Mattarella perde una buona occasione per tacere

Enzo Palumbo, presidente di Democrazia Liberale, ha dichiarato:
“Dopo l’art. 1 Cost. per il quale “La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione, c’è anche l’art. 11. per il quale “l’Italia consente, in condizioni di parità con gli altri Stati, alle limitazioni di sovranità necessarie ad un ordinamento che assicuri la pace e la giustizia fra le Nazioni; promuove e favorisce le organizzazioni internazionali rivolte a tale scopo”: E c’è anche l’art. 117, comma 1, per il quale “La potestà legislativa è esercitata dallo Stato e dalle regioni nel rispetto della Costituzione, nonché dei vincoli derivanti dall’ordinamento comunitario e dagli obblighi internazionali”. Il combinato disposto di queste norme sta a significare che una parte della sovranità dello Stato, previ appositi trattati e a condizioni di reciprocità, può essere trasferita a enti sovranazionali (EU, BCE, CGE, NATO, ONU, etc.), quali enti a loro volta diventano titolari di una parte della sovranità dello Stato Italiano, come di altri Stati, acquisendo quindi una loro propria sovranità, come in effetti é avvenuto in questi 76 anni di vigenza della nostra preveggente Costituzione. E non c’è nulla di men che corretto se il Presidente Mattarella parla “anche” di sovranità europea, mentre chi lo ha contestato chiedendone le dimissioni e ipotizzando una sorta di attentato alla Costituzione, ha perso una buona occasione per tacere.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *