Messina primo piano

PONTE, FI: LA ‘CULTURA DEL NO’ AZZERA OGNI PROSPETTIVA

MESSINA. PONTE STRETTO, FORZA ITALIA: LA ‘CULTURA DEL NO’ AZZERA OGNI PROSPETTIVA

Nota congiunta del coordinatore cittadino del partito e della coordinatrice dei giovani.

MESSINA, 23 MAR – “La manifestazione di ieri di coloro che rimangono no pontisti, con la segretaria nazionale del Pd, Elly Schlein, è la fotografia di come i messinesi si siano stancati della ‘cultura del ‘No’. Un dissenso strumentale, senza visione e che azzera ogni prospettiva di sviluppo”. Così, in una nota congiunta, il coordinatore cittadino di Forza Italia, Antonio Barbera e la coordinatrice dei giovani a Messina, Maria Fernanda Gervasi.

“La costruzione del Ponte – proseguono i due esponenti azzurri – rappresenta l’unica possibilità per accendere il motore del progresso e il ritorno di grandi investimenti in città, in grado di generare economia e lavoro. Messina, con la sua mega opera, assumerà centralità a livello mondiale e i messinesi vogliono qualcosa di grande. Se esiste ancora una piccola percentuale di persone che non sono d’accordo sulla realizzazione dell’opera è anche giusto – osservano – la differenza di opinioni è alla base dei principi democratici, ma il vento a Messina è cambiato”.

Per Antonio Barbera e Maria Fernanda Gervasi, “questo vento di cambiamento parte proprio dai giovani. Loro hanno un’enorme capacità di capire il futuro e senso critico per comprendere da che parte stare. I ragazzi fino adesso, in percentuale sempre più drammatica, non scelgono, ma sono costretti a lasciare Messina in cerca di lavoro e certezze, a causa di questo – dicono i due coordinatori del partito – tante famiglie sono obbligate ad aiutarli economicamente affrontando anche grossi sacrifici. Vogliamo opporci a tutto questo, vogliamo che i nostri figli possano investire le loro competenze qui, mettendo a disposizione della nostra comunità i loro valori”.

“Dire sempre no – conclude la nota di Forza Italia Messina – ha contribuito ad allargare il gap tra Nord e Sud alimentando lo storytelling che nel Mezzogiorno e in Sicilia non si possano realizzare infrastrutture importanti. Il Ponte ci avvicinerà e ci collegherà davvero con L’Europa: sì, perché il collegamento stabile sullo Stretto non è un discorso ‘compreso’ tra Sicilia e Calabria, ma si inserisce in un contesto continentale, che consentirà il completamento del corridoio scandinavo-mediterraneo (rete europea TEN-T); la continuità alla rete ferroviaria e stradale delle due regioni; il collegamento tra i porti siciliani e il continente; la nuova metropolitana dello Stretto; lo sviluppo dei servizi ferroviari ad alta velocità in Sicilia, oltre ad un contributo complessivo di 23 miliardi al Pil del Paese”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *