Barcellona

Patti, Anna Sidoti: PNRR e il futuro per i piccoli comuni

IL FUTURO PER I PICCOLI COMUNI: A PATTI UN CONVEGNO SU ESPERIENZE E
STRUMENTI DI INTERVENTO. TRA LE SOLUZIONI: COINVOLGIMENTO PARTECIPATO
IN POLITICA DEI GIOVANI, SMART WORKING, INTERVENTI DI SVILUPPO ATTRAVERSO
IL PATRIMONIO UMANO E CULTURALE

Si è tenuto sabato mattina, su iniziativa dell’Ing. Anna Sidoti, Esperto PNRR, in qualità di Responsabile
dello Sviluppo dell’Istituto Milton Friedman nel comune di Patti e nelle zone dei Nebrodi, il convegno
“Costruire il futuro per i piccoli comuni” nella Cripta di S. Ippolito in Piazza Scaffidi, Patti (ME). Al
convegno hanno preso parte tanti esponenti del mondo politico locale, regionale e nazionale.

Evento moderato da Ninni Petrella, Advisor e Responsabile dell’Istituto Milton Friedman per la Regione
Sicilia e Coordinatore Nazionale delle Regioni. Presenti al tavolo Giuseppe Ferrarello Sindaco di Gangi (PA)
e Don Franco Pisciotta Parroco Emerito di S.Ippolito, la più antica parrocchia del centro storico di Patti
Il convegno ha interessato il mondo scolastico, sanitario e istituzionale. Hanno portato un importante
contributo l’On. Tommaso Calderone deputato alla Camera, Domenico Interdonato presidente regionale
dell’UCSI Sicilia, Padre Leonardo Maimone parroco della parrocchia di Sant’Ippolito, Pino Mento
professore neurologo dell’Università di Messina, Filippo Nasca Presidente del consorzio per le Autostrade
Siciliane, Maria Ricciardello Dirigente dell’istituto scolastico “F. P. Merendino” di Capo D’Orlando, Barresi
Stefano Assessore del Comune di Oliveri, Giovanni Caruso Consigliere Comunale di Messina, Cinzia
Marchello Sindaco di San Piero Patti, Carmelo Pietrafitta Sindaco di Mazzarrà Sant’Andrea, Basilio Ridolfo
Sindaco di Ficarra, Salvatore Salmeri Vice Sindaco di Gioiosa Marea, Salvatore Sidoti Sindaco di
Montagnareale, Calogero Gambino Presidente Pro Loco di San Giorgio.
Sulla continuità territoriale, fondamentale per la crescita dei borghi, si è espresso l’On. Tommaso
Calderone.
“Si tratta di un’emergenza per tutta l’Italia – ha specificato l’Ing. Anna Sidoti – e che ci riguarda tutti. I
giovani sono costretti a lasciare il cuore nella loro terra e vanno via menti e cervelli brillanti e mani
laboriose, desiderando spesso di ritornare. Il problema fondamentale riguarda la politica: gli anziani hanno
costruito molto e hanno un patrimonio in tutti i settori dello scibile da tramandare ai giovani che, a loro
volta, devono impegnarsi, fare sacrifici, studiare le problematiche del territorio, le nostre città vuote, e
lavorare dall’interno per creare le condizioni e non disperdere il ricco ed esclusivo contenuto, per niente
vuoto e che anzi contiene il futuro di tutto il nostro “paese Italia”. È necessaria una determinante presa di
coscienza: torniamo, noi cittadini, nei nostri territori e scriviamo il nostro futuro. Torniamo a fare comunità, per progettare politiche di sviluppo e di crescita e per contrastare il declino demografico dei nostri comuni, che negli ultimi anni ha assunto proporzioni rilevanti. Solo insieme, senza faziosità politiche, si possono raggiungere risultati concreti”.
L’incontro è stato moderato da Ninni Petrella che ha portato i Saluti del Direttore Esecutivo dell’Istituto
Milton Friedman Alessandro Bertoldi.
“Una delle soluzioni – ha dichiarato Ninni Petrella – interessa il mondo del lavoro. Siamo nell’epoca 4.0
dove si dovrebbe lavorare per obiettivi e non a ore. Lo smart working ci permette di lavorare a distanza
tornando a vivere i piccoli comuni. Determinante? Le partnership pubblico privato”.
Giuseppe Ferrarello Sindaco di Gangi (PA) ha portato la sua importante testimonianza, indice di
collaborazione e unione.

Il Comune di Gangi è stato il primo in Sicilia ad avviare il progetto “Case a 1 euro”, iniziativa di successo
mirata a riqualificare e ripopolare il borgo, che ha permesso a molte persone di trasferirsi a Gangi. A
differenza di altre esperienze similari, il Comune di Gangi ha imboccato un percorso di snellimento dei
processi burocratici, mostrando l’altro volto della Sicilia: accoglienza e inclusione.
“La vendita di case è sicuramente un traguardo importante ma oggi voglio soffermarmi sulla responsabilità degli attori coinvolti di creare le condizioni affinché migliori la qualità della vita dei piccoli borghi. Sono qui proprio per portare il mio contributo su un tema così importante e ci tengo a ringraziare l’Ing. Anna Sidoti per l’accoglienza e per aver posto i riflettori su questa problematica che riguarda anche le nostre Madonie”così Giuseppe Ferrarello Sindaco di Gangi (PA).

Don Franco Pisciotta Parroco Emerito di S.Ippolito, dopo essersi soffermato sull’illustre storia della
Parrocchia di Patti, si è focalizzato sulla sofferenza demografica dei territori circostanti, riportando alla luce l’anima dei piccoli luoghi attraverso la riqualificazione urbana. Infatti, ha così dichiarato: “È indispensabile tenere quotidianamente le strade pulite e agibili, restaurare i centri storici anche con microinterventi ma secondo un piano organico, gli angoli suggestivi, le stradine, le scale, per suscitare e garantire per i pochi coraggiosi che ancora vi abitano l’orgoglio e la gioia di starci a vivere”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *