primo piano

Asp Me, commissario Cuccì: attenzione verso realtà territoriali


Asp Messina: neo commissario straordinario Giuseppe Cuccì, ”maggiore attenzione verso realtà territoriali e a  problematiche quali carenza personale e appropriatezza prestazioni sanitarie”. Presto visiterò ospedali provincia”.

“Mi accingo ad assumere la guida dall’ Asp di Messina, motivato da spirito di servizio e dall’ entusiasmo che è necessario per affrontare questa la sfida impegnativa. L’Azienda Sanitaria Provinciale di Messina è una tra le più vaste e complesse aziende siciliane ed è necessario porre la giusta attenzione alle variegate e peculiari realtà territoriali. Consapevole delle gravi problematiche legate alla carenza di personale, la Direzione Strategica adotterà i provvedimenti necessari a garantire con equità i bisogni di salute, l’appropriatezza delle prestazioni sanitarie e i LEA, con un’ attenzione particolare ai territori disagiati e non tralasciando di valorizzare mantenere le eccellenze sanitarie e prestazionali che già esistono. Un saluto ai Sindaci che rappresentano gli interpreti fondamentali dei bisogni di salute dei territori”.

A dirlo il neo commissario straordinario  dell’Asp di Messina Giuseppe Cuccì che aggiunge: “Al più presto avvieremo una serie di visite nei presidi ospedalieri dell’ Azienda, partendo dalle realtà con maggiori criticità e marginalità, mi riferisco all’ Ospedale di Barcellona Pozzo di Gotto con il pronto soccorso chiuso, ai Servizi Sanitari delle isole Eolie, alle aree montane interne rappresentate dal presidio ospedaliero di Mistretta e al mantenimento della cardiochirurgia pediatrica di Taormina. Auspico una fattiva collaborazione con le organizzazioni sindacali, per avviare un proficuo confronto che tuteli i diritti dei lavoratori ed assicuri il raggiungimento degli obiettivi di salute e funzionamento dei servizi che l’Azienda Sanitaria ha come obiettivi primari. Un caro saluto affettuoso al Direttore Sindoni che ringrazio per il lavoro svolto e per l’accoglienza che mi ha riservato”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *