Messina

Nino Principato ci racconta la chiesa di S. Orsola

LETTERIO BONANNO E IL SUO CAPOLAVORO DIPINTO NEL SOFFITTO DELLA CHIESA DI SANT’ORSOLA, TEMPIO DI GESU’ SACRAMENTATO A MESSINA

La chiesa di S. Orsola, progettata dall’Ufficio Tecnico Arcivescovile e costruita dalla ditta Fratelli Cardillo, venne inaugurata l’1 luglio 1928. Letterio Bonanno dipinse nel soffitto un grande affresco raffigurante l’”Apparizione del Cuore di Gesù a Santa Margherita Maria Alacoque e le dodici promesse del Sacro Cuore”. Nato nel 1891 a Messina e morto nel 1964, Letterio Bonanno fu magistrale pittore di soffitti, pareti e vetrate in edifici pubblici e abitazioni private di Messina.

Il suo capolavoro assoluto è, appunto, il monumentale affresco nella chiesa di S. Orsola dove le allegorie delle 12 Promesse fatte dal Sacro Cuore di Gesù a Santa Margherita Maria Alacoque sono trattate con una tecnica particolare e un’invenzione geniale: sono figure femminili statuarie in bianco e nero con leggerissime sfumature di colore perché a risaltare devono essere i simboli dorati di ogni Promessa. Dolcissimi volti, prospettive audacissime, movimenti di grande naturalezza, corpi perfetti, sapienti piegature delle vesti, dodici bellissime donne che una realistica positura da trompe-l’oeil rende vere, concrete, svincolate dalla volta che le trattiene per proiettarsi verso chi le osserva dal basso in alto.

Margherita Maria Alacoque, monaca cristiana e mistica francese, nacque a Verosvres il 22 luglio 1647 e morì a Paray-Le Monial il 17 ottobre 1690. A partire dal 27 dicembre 1673 Gesù, che le aveva mostrato il suo Sacro Cuore, le apparve diverse volte in quella che venne chiamata “la grande rivelazione”. Queste le 12 Promesse a lei lasciate:

1. Darò ai devoti del Mio Cuore tutte le grazie necessarie al loro stato.

2. Stabilirò e conserverò la pace nelle loro famiglie.

3. Li consolerò in tutte le loro afflizioni.

4. Sarò un rifugio sicuro nella vita e soprattutto nell’ora della morte.

5. Effonderò abbondanti benedizioni sui loro lavori e le loro imprese.

6. I peccatori troveranno nel Mio Cuore una fonte inesauribile di misericordia.

7. Le anime tiepide diventeranno fervorose attraverso la pratica di questa devozione.

8. Le anime fervorose s’innalzeranno rapidamente a grande perfezione.

9. La mia benedizione poserà anche sulle case dove sarà esposta ed onorata l’immagine del mio Cuore

10. Darò ai sacerdoti che praticheranno in particolare questa devozione il potere di toccare i cuori più induriti.

11. Le persone che diffonderanno questa devozione avranno il proprio nome iscritto per sempre nel Mio Cuore.

12. A tutti coloro che per nove mesi consecutivi si comunicheranno il primo Venerdì di ogni mese darò la grazia della perseveranza finale e della salvezza eterna.

All’apertura canonica della sua tomba, nel luglio 1830, il corpo di Margherita Maria Alacoque fu trovato incorrotto e tale è rimasto.

Nino Principato

+12

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *