Messina primo piano

Oteri: inaccettabili giustificazioni ritardo riduzione Tari 2023

Il Consigliere Cosimo Oteri, ritiene inaccettabili le giustificazioni date al già preannunciato ritardo nello stilare le graduatorie di riduzione o esenzione Tari 2023. Questa la sua nota:

Città di Messina Consiglio Comunale Gruppo “Forza Italia” Cons. Cosimo Oteri
Al sig. Assessore al contrasto all’ evasione ed elusione tributaria locale
E p.c.
Al sig. Sindaco del Comune di Messina
Al sig. Presidente del Consiglio Comunale
Agli organi di stampa
Oggetto: Graduatoria Tari 2023
Con la presente il sottoscritto Cons. Comunale Cosimo Oteri, ritiene inaccettabili le
giustificazioni date al già preannunciato ritardo nello stilare le graduatorie di riduzione o
esenzione Tari 2023.
Con ogni probabilità l’ assessore interessato ha mal calcolato i tempi di consegna ed il
numero di domande che sarebbero pervenute agli uffici, sia in modalità cartacea che
digitale, la soluzione digitale ha spesso riscontrato problemi come ad esempio un blocco
per persone che sono nate all’ estero, sistemato dopo varie segnalazioni oppure il blocco
circa un avviso che riportava all’ utente la notifica che la domanda era già stata
presentata, come in ogni piattaforma digitale dunque ci sono delle falle, ovviamente
queste persone sono state costrette a protocollare in maniera cartacea le proprie domane
oppure inviandole alla pec del protocollo del comune di Messina.
Il consiglio comunale stesso (non solo le forze di opposizione) si è espresso a favore
anche del formato cartaceo poichè doveroso venire incontro alle persone che non hanno
dimestichezza coi servizi telematici, dunque senza appunto usare alcuna forma
discriminatoria, probabilmente l’assessore non conosce la realtà di molte famiglie
messinese, scrive di CAF che hanno aiutato i cittadini a compilare la domanda cartacea
piuttosto che telematica, nessun CAF di Messina era autorizzato a farlo ne esiste una
convenzione tra comune e CAF che ne dava possibilità di farla, dunque che ognuno
faccia il proprio lavoro, se il dipartimento è carente di personale l’assessore si faccia
carico col proprio sindaco di provvedere ad un aumento di forze umane considerate
anche le assunzioni che arriveranno attraverso gli ultimi concorsi o in ogni caso anziché
lamentare possibili ritardi dovuti a domande cartacee avrebbe dovuto pensare a possibili
affidamenti esterni del servizio come peraltro fanno in partecipate comunali.
Infine aggredire coloro che hanno presentato domanda cartacea aizzando le lamentele di
chi ha presentato domanda telematicamente è un atto di fomentazione sociale e questo è
molto grave, contrario ad ogni tipo di approccio democratico nonché da amministratore
interessato al popolo senza alcuna distinzione.
Messina, lì                                                                                                Il Consigliere
07/12/2023                                                                                           F.to   Cosimo Oteri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *