cronaca primo piano

BARCELLONA, LUTTO IN CASA RECUPERO

Ai fratelli Cosimo e Gaetano Recupero ed alla moglie le condoglianze di “mondonuovo”

Gaetano Recupero

“Siate pronti, con le vesti strette ai fianchi e le lampade accese; siate simili a quelli che aspettano il loro padrone, quando torna dalle nozze, in modo che, quando arriva e bussa, gli aprano subito. Beati quei servi che il padrone, al suo ritorno, troverà ancora svegli; in verità, Io vi dico, si stringerà le vesti ai fianchi, li farà mettere a tavola e passerà a servirli. E se, giungendo nel mezzo della notte o prima dell’alba, li troverà così, beati loro!
Cercate di capire questo: se il padrone di casa sapesse a quale ora viene il ladro, non si lascerebbe scassinare la casa. Anche voi, tenetevi pronti, perché, nell’ora che non immaginate, viene il Figlio dell’uomo”.
E mio papà si è fatto trovare pronto!
Stanotte, in meno di un’ora, il Signore lo ha richiamato a Sè esaudendo la sua preghiera di non lasciarlo soffrire in una lunga agonia. Adesso so che è a correre libero come non faceva da 57 anni, insieme a tutti i nostri cari che ci hanno preceduto a vegliare su di noi e lodare Dio per tutti i doni che ci fa.
Io, da parte mia, ringrazio Dio di avermi permesso d essere presente nel momento del suo transito al cielo, ed anche se la tristezza della separazione pesa sul mio cuore come un macigno, mi conforta la Speranza (che io ho come certezza) che papà adesso è completamente libero dagli affanni di questa vita che per lui sono stati anche un po’ di più del normale. Mi mancheranno le sue raccomandazioni per le mie partenze e i miei ritorni, ma so che sarà più presente con me in macchina o in aereo. Se sono ciò che sono lo devo ai miei genitori, e mio padre è per me un eroe ancora più bello di un papà normale, perché credo che se ho imparato a non arrendermi mai lo devo al fatto che mi ha saputo insegnare a vivere con coraggio. I guai di questa vita ci sono ed innegabili, ma se si sa qual è la meta finale, diventano strumenti per raggiungerla con più soddisfazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *