economia

Agosto: Fiducia delle Imprese in calo dopo 8 mesi di crescita

Agosto: Fiducia delle Imprese in calo dopo otto mesi di crescita. L’Analisi Tecnica di Websim

30/08/2021 WS

FATTO
Il FtseMib (+0,1%, 26.034 punti) è poco mosso, in sintonia con  il resto dell’Europa, in una seduta condizionata dalla chiusura per festività della borsa di Londra. 

In agosto la fiducia dei consumatori italiani è scesa a 116.2 punti dal 116.6 di luglio. Il dato è stato in linea con le attese di consenso (116.3). 

Meno positive le indicazioni giunte dal mondo delle imprese: l’indice composito di fiducia delle imprese è sceso a 114.2 punti da 115.9 di luglio. In particolare, il clima di fiducia delle Imprese manifatturiere è passato a 113.4 punti da 115.2 di luglio, peggio del consenso che indicava 115.0 punti.

Commento 

Dopo quattro mesi consecutivi di aumento, l’indice di fiducia dei consumatori registra una lieve diminuzione dovuta sostanzialmente a un marcato calo delle attese sulla situazione economica generale e a un deterioramento dei giudizi sia sulla situazione familiare sia sull’acquisto di beni durevoli. 

Più significativa la diminuzione dell’indice di fiducia delle imprese che, dopo 8 mesi consecutivi di aumento, registra un calo di 1,7 punti percentuali, rimanendo, comunque, su livelli storicamente elevati. A determinare il calo dell’indice contribuiscono principalmente il settore manifatturiero, dove peggiorano i giudizi sugli ordini e le aspettative sulla produzione. Per quanto riguarda il comparto delle Costruzioni, dove tutte le componenti dell’indice sono in peggioramento, viene confermata la tendenza in atto già dallo scorso marzo: cresce la quota di imprese che segnala la mancanza di manodopera e di materiali, quali ostacoli all’attività costruttiva.

Dai dati recentemente pubblicati si può dedurre che la crescita attesa per il PIL del terzo trimestre – che l’ISTAT renderà noti martedì 31 agosto dopo i preliminari di fine luglio (+2.5% YoY)  – sarà in gran parte dovuta ad una ripresa dei consumi privati. Le stime del PIL sono attualmente in fase di revisione al rialzo: +5.7% per il 2021 e +4.2% per il 2022.

Ai prezzi attuali, i multipli di mercato del FtseMib sono ancora attraenti: P/E medio di 13,6x nel 2021 e P/E di 12,4x nel 2022.

Il FtseMib registra una performance da inizio anno di +16,50% vs +15,60% dell’indice Stoxx 600.

EFFETTO
Analisi tecnica. L’indice sta consolidando ordinatamente a ridosso dei massimi dell’anno, ovvero degli ultimi tredici anni, toccati lo scorso 13 agosto a quota 26.687 punti. L’andamento conferma la figura di inversione in corso di completamento della pluriennale tendenza ribassista. 

Operatività. Manteniamo una visione positiva in ottica di medio/lungo termine. Scattati gli acquisti in tendenza sopra 26mila per primo target intorno a 32mila punti. Sfruttare eventuali pull back fin verso 25.500 per acquisti sulla debolezza. Applicare uno stop prudenziale sotto 25mila punti per rientrare in area 24mila. by Fineco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.