politica

HARAKIRI ITALIANO *di Massimo Mastruzzo

HARAKIRI ITALIANO

Emigrazione interna, obesità e anoressia di un paese profondamente ingiusto  *di Massimo Mastruzzo 

I vari leader dei partiti nazionali al governo non hanno il coraggio di dire le cose come stanno semplicemente perché di questa situazione di ingiustizia sociale e di  incostituzionalità nel Mezzogiorno d’Italia, ne sono consapevoli (lo sono?) e quindi corresponsabili. Il massimo che di volta in volta riescono a fare è nominare l’ennesimo ministro per il Sud. 

Dal sud Italia però nonostante svariati, ed a quanto pare inutili, ministri dedicati, nel 2021 si deve ancora emigrare per lavorare, per studiare, per farsi curare. Con la scusa di quello che manca da una parte si arricchisce l’altra parte (provate solo a guardare il peso pazienti emigrati nel bilancio nelle strutture sanitarie del nord e l’ammanco per lo stesso motivo dalle regioni di provenienza) nel frattempo l’Italia muore: per obesità da una parte e anoressia dall’altra.

Una lenta agonia di un’area del Paese tenuta in vita da flebo di inutili provvedimenti straordinari, situazione denunciata anche dalla Commissione europea e puntualmente ignorata dal governo italiano.

  • Incostituzionalità 
  • Egoismo politico 
  • Miopia governativa 

Ecco cosa subiscono una parte dei cittadini italiani. In concreto sto parlando di violazioni in vaste aree dell’Italia meridionale, di dignità umana, diritto alla vita, libertà professionale e diritto di lavorare, condizioni di lavoro giuste ed eque, sicurezza sociale e assistenza sociale, protezione della salute, carenze infrastrutturali, tutela dell’ambiente.

In particolare la condizione delle donne e dei giovani è uno schiaffo alla Costituzione e una beffa alla tanto decantata Equità di genere, che poi se sei giovane e pure donna e magari disoccupata, la violazione della Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea diventa palese.

Talmente palese che una realtà come M24A-ET che ha avuto l’ardore di fondarsi sul concetto dell’Equità Territoriale e di tutte le due declinazioni non può fare più a meno di andare a bussare a Bruxelles.

*Direttivo nazionale M24A-ET 

Movimento per l’Equità Territoriale 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *