primo piano

De Poli (Udc): il cambio di passo sui vaccini c’è stato


Il cambio di passo sui vaccini c’è stato. E’ merito del Governo Draghi che ha saputo imprimere una svolta nella giusta direzione. I contagi stanno diminuendo.

I numeri ce lo dimostrano. Adesso serve più CORAGGIO per restituire al Paese quella fiducia e quello slancio per ripartire. Per quanto mi riguarda, dal primo di giugno il coprifuoco dovrebbe essere abolito perché la pandemia ha preso una tendenza assolutamente positiva, grazie al grande lavoro del generale Figliuolo.

E’ grazie a noi oggi se c’è questo Governo di salvezza nazionale che sta rimettendo il Paese nei giusti binari.

Siamo convinti che si debba fare di più e meglio.

Serve il coraggio delle RIFORME, a partire da quella fiscale che come sapete è uno dei punti inseriti nel Piano nazionale di ripresa e resilienza, recentemente approvato dal Parlamento.

Sul capitolo TASSE – rispetto a chi, dal mondo della sinistra, nelle ultime ore, paventa ipotesi di aumenti della tassazione, noi metteremo sempre un muro. E mi rincuora che, come è avvenuto ieri, anche il presidente del Consiglio Draghi ci abbia dato ragione.

In un momento di crisi – che è sanitaria, economica e sociale – serve il coraggio di TAGLIARE LE TASSE per restituire dignità e FIDUCIA a famiglie, cittadini e imprese.

Non possiamo pensare di sostenere le attività con lo schema dei ristori. Dobbiamo far ripartire il LAVORO. E’ indispensabile una riforma del fisco che, come ho sottolineato nel corso di un intervento pubblico ad una conferenza questa settimana in Senato, deve tradursi in primis in un taglio del costo del lavoro, a beneficio di lavoratori e imprese. Ieri Il Governo ha approvato il Decreto Sostegni bis.

Attendiamo nelle prossime ore la pubblicazione in Gazzetta ufficiale.

In Parlamento proseguiremo con le battaglie che abbiamo portato avanti in occasione del primo Decreto Sostegni, con gli aiuti alle imprese affinché arrivino nei conti correnti velocemente, senza dover attendere i lunghi tempi della burocrazia. Ci sono settori che stanno soffrendo particolarmente e ad essi dobbiamo rivolgere la nostra attenzione.

Come ho sottolineato ieri, serve maggiore attenzione alle piccole medie imprese , garantire liquidità al sistema socio economico. Non possiamo chiudere i rubinetti del credito in un momento così difficile per il Paese!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *