primo piano

Poco coinvolgimento e scarsa trasparenza sul PNRR

Poco coinvolgimento e scarsa trasparenza sul Piano Nazionale Ripresa e Resilienza.

Le organizzazioni promotrici dell’Osservatorio civico “Follow the Money”  chiedono di cambiare direzione, a partire da una attenta progettazione del Portale che consenta il monitoraggio civico

“Se lo scopo del PNRR è la ripresa e la resilienza del nostro Paese, queste sono irraggiungibili senza il coinvolgimento dei cittadini nelle scelte e nelle proposte che esso contiene, come nel monitoraggio dei progetti che lo tradurranno in interventi concreti. Per questo ci risulta inaccettabile come un piano pluriennale di questa portata, che avrà un impatto significativo sulle generazioni future e su tutti i cittadini, abbia peccato così tanto in termini di trasparenza e partecipazione. Si è ignorato del tutto, sotto questo aspetto, quanto prevede il Next generation EU che, tra le varie indicazioni, delinea –  per l’approvazione e l’attuazione del PNRR –  la necessità di coinvolgere le forze sociali e la società civile, come per esempio è avvenuto in Francia, Irlanda e Portogallo”.  

A dirlo le organizzazioni promotrici dell’Osservatorio civico sul PNRR, nato con la campagna Follow the Money nell’ambito del Festival della partecipazione 2020. Le organizzazioni non mancano di rilevare anche che, a fronte di questo inaccettabile vuoto sul piano della democrazia partecipativa, la volontà dei cittadini non è emersa nemmeno attraverso le ordinarie modalità della democrazia rappresentativa, dal momento che anche il Parlamento ha ricevuto il documento appena 24 ore prima della presentazione alle Camere e si è dovuto limitare all’approvazione delle due risoluzioni di maggioranza senza poter confrontarsi minimamente sui contenuti. 

Chiediamo dunque, con riguardo all’aspetto della partecipazione civica, un deciso cambio di rotta sul PNRR. Nella legge di Bilancio 2021 era previsto che, entro sessanta giorni dalla sua approvazione, il Ministero dell’ Economia e Finanze avrebbe dovuto predisporre un Decreto, mai emanato, con la previsione di uno strumento per la messa a disposizione dei dati del PNRR. “Ad oggi invece non abbiamo informazioni sui criteri utilizzati per l’allocazione delle risorse previste per le singole missioni e componenti né l’elenco dei singoli progetti che saranno oggetto di finanziamento. Chiediamo che queste informazioni siano rese pubbliche così come chiediamo che il portale del PNRR, previsto come strumento di comunicazione del Piano, renda disponibili tutti i dati analitici in formato aperto, al fine di consentire il monitoraggio da parte dei cittadini sulle risorse e sull’impatto dei singoli progetti sui territori. Parallelamente come Osservatorio elaboreremo una proposta sulle caratteristiche che dovrà avere il processo di monitoraggio istituzionale sulla spesa, sulla realizzazione e sui risultati del Piano”.

Tutte le organizzazioni aderenti all’Osservatorio e i materiali sono disponibili sul sito www.osservatoriocivicopnrr.it da oggi online.

L’Osservatorio civico sul PNRR è promosso da:

ActionAid, Cittadinanzattiva, Legambiente, Slow Food. Hanno finora aderito:

Aladin Pensiero, Amapola, Ass. Mondragone Bene Comune, Ass. SEqus – Sostenitbilità Equità e Solidarietà, Associazione Artù Roma, Associazione Eutropia, Associazione Officine Italia, Centro per l’integrazione e Studi Interculturali, Cittadini reattivi, Confcooperative-Federsolidarietà Puglia, CSS- Confederazione Sindacale Sarda, Fondaca, Fondazione Basso, Fondazione Ebbene, Fondazione Etica, Info Nodes, Lunaria/Sbilanciamoci, Mappina, Monithon, Ondata, ONMIC – Opera Nazionale Mutilati e Invalidi civili, Open Polis, Parliament Watch, Slow Food–Bologna, Stati Generali delle Donne e Alleanza delle Donne, The Good Lobby, Transparency, Vita.

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *