politica

Tamà, La Paglia e Gioveni: Vill. Santo in sicurezza

                      INTERROGAZIONE URGENTE


                   Al Sig. Sindaco del Comune di Messina 

                            Al Sig. Assessore alla Manutenzione e Arredo Urbano

                           Al Sig. Dirigente della Polizia Municipale


               e  p.c.  Al Sig. Presidente del Consiglio 
                                              Comunale di Messina

                                              AGLI ORGANI DI STAMPA

Messina 20.04.2021

Oggetto: GESTIONE E MESSA IN SICUREZZA DELLA PIAZZETTA CHIESA MADRE DEL VILLAGGIO SANTO

PREMESSO
che la costruzione della convivenza in un quartiere, ad alta densità abitativa e a promiscuità ad elevato rischio sociale, viene mitigata dalla costruzione di luoghi che, nella loro localizzazione spaziale, integrano il territorio del quartiere, favorendone l’integrazione socio-culturale

che in data 10.09.2013 è stata inaugurata, dall’allora Amministrazione Comunale in carica, la piazza Chiesa Madre del Villaggio Santo, prossima e di significativo supporto alla Chiesa Madre, dopo una profonda operazione di recupero strutturale ed inserimento di elementi arborei ( 4 piante di agrumi e 4 di cicas ) nonché di essenze e piante fiorite di decoro, poste nel perimetro delle aiuole che, ovviamente, ha comportato utilizzo di fondi pubblici

che l’avvio del progetto è stato sollecitato e monitorato, sino alla sua concretizzazione, dall’allora Presidente della Terza Circoscrizione Giovanni De Salvo con il supporto dell’ ex Assessore all’Arredo urbano, oggi on. Elvira Amata
che ha seguito tutto l’iter procedurale

che tale opera rientrava nell’ambito del “ Programma di finanziamento per interventi di sviluppo “ per la riqualificazione di diverse piazze e scalinate del territorio comunale di Messina e che, tecnicamente, il progetto era stato predisposto ed eseguito dall’Architetto Nino Principato e dal geometra Corace nonché, quale responsabile unico del procedimento, dall’architetto Giovanni Berenato

CONSIDERATO

• che la piazza, per la sua manutenzione e tutela del verde , è stata data in adozione a privati, ed in particolare all’ex Presidente del quartiere succitato a Luglio del 2014 e, successivamente, per circa un anno ( 2015 ), ad una Associazione ( Comunità Masci Messina ) e, per ulteriori tre anni ( dal 2016 al 2018 ) ancora al Sig. De Salvo Giovanni

• che l’area in questione è stata più volte vandalizzata con estirpazione, quasi dopo poco tempo dall’inaugurazione, di un albero di agrumi e, poco dopo, con danneggiamento di muri, di panchine ( tre sono state totalmente rimosse) ed imbrattamento del pavimento

• che, su sollecitazione del Sig. De Salvo, come previsto dall’articolo 3 nella scrittura privata sottoscritta dallo stesso con il Comune, è stato necessario far intervenire il Nucleo decoro della Polizia Municipale per constatare i danni e relazionare sullo stato di abbandono ed incuria del luogo, preda di incivile sopraffazione vandalica dei frequentatori della piazza che, dopo il crepuscolo, si aggregano dando spazio ad atti di distruzione, turbando anche la quiete del luogo che diviene terra di nessuno

• che tali atti si susseguono, periodicamente, così come nell’anno 2020 allorquando sono state distrutte tutte le essenze distribuite nelle aiuole basse, quelle poste dinanzi al monumento dei caduti e lungo il restante perimetro delle aiuole e sino all’ ultimo episodio del mese di Aprile 2021, giorno della Palme, quando si è preso atto della mancanza di tutte le siepi, verosimilmente estirpate da persone non meglio identificate ( si allegano foto )

RITENUTO

che in data 24.03.2021 è stata formulata ulteriore richiesta di adozione della piazza da parte del Sig. De Salvo Giovanni con impegno a piantumare essenze e degli alberelli, negli spazi consentiti

che l’obiettivo dell’adozione rimane quello di un utilizzo più soddisfacente della piazza prevenendo possibili eventi vandalistici, legati al deperimento degli spazi pubblici, innalzando così la soglia del decoro urbano ed i livelli di sicurezza reale e percepita dalla cittadinanza

che l’Amministrazione Comunale deve incentivare la gestione attiva di beni comuni, promuovendo processi di partecipazione e conservazione del patrimonio comunale

che occorre mettere in sicurezza la piazza danneggiata anche attraverso l’installazione di un moderno sistema di video-sorveglianza, utile deterrente ai potenziali eventi criminosi e di distruzione di beni comuni

che è nota la prodigalità e sensibilità al tema del Sig Assessore all’arredo urbano

TUTTO CIO’ PREMESSO, CONSIDERATO E RITENUTO

                                      si   INTERROGANO 

le S. S. L. L. su quali provvedimenti urgenti intendano adottare, per la Piazza della Chiesa Madre del Villaggio Santo, al fine di
• individuare gli autori del recente atto improprio di estirpazione delle siepi e, nella fattispecie, se ci sono state iniziative sfuggite al controllo dell’ Ufficio Tecnico competente
• contrastare, in modo efficace e definitivo, le numerose reiterate azioni di grave vandalismo

Inoltre, in tal senso i sottoscrittori propongono una URGENTE conferenza dei servizi che faccia luce, per tutto il territorio comunale di Messina, su tutte quelle aree che, per varie motivazioni, sono parzialmente dismesse, abbandonate o lasciate all’incuria dei fruitori rappresentando un potenziale danno territoriale, sciale ed economico costituendo, altresì, un pericolo per la sicurezza urbana e sociale e per il contesto ambientale ed urbanistico

Sebastiano Tamà ( Consigliere Comunale Forza Italia )

Rita La Paglia ( Consigliere Comunale Forza Italia )

Libero Gioveni ( Consigliere Comunale Capo Gruppo FDL )

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *