primo piano

Vincenzo Franza replica alle affermazioni dell’on. D’Alia

COMUNICATO STAMPA

Vincenzo Franza (AD Gruppo Caronte & Tourist): “Apprezzabile l’intervento dell’on. D’Alia sulla AdSP dello Stretto e il vizio messinese dei “dibattiti del giorno dopo”, molto meno le sue affermazioni, superficiali e populiste, sulla recente vicenda giudiziaria che ha coinvolto il nostro Gruppo”.

Messina – 19/3/2021 – “Non è chiarissimo se e quanto l’intervento dei giorni scorsi dell’On. Gianpiero D’Alia sul vizio peloritano dei “dibattiti del giorno dopo” sia favorevole all’Autorità di Sistema Portuale dello Stretto. La considerazione del ruolo strategico di quell’istituzione non può comunque prescindere da poche ma chiare valutazioni di sistema, che si proverà qui a sintetizzare”.

Vincenzo Franza, AD del Gruppo Caronte & Tourist, parte da un post su Fb (poi ripreso dalla stampa) del già parlamentare e ministro Gianpiero D’Alia per contestarne alcune affermazioni ma soprattutto per riaffermare il proprio punto di vista sulla questione del water front messinese e dello sviluppo delle due sponde dello Stretto.

La mission delle Autorità Portuali – riflette Franza – è quella di incrementare i traffici portuali. Come ciò possa concretizzarsi attraverso la programmazione e gestione di aree pregiatissime della città (quelle, per intenderci, che vanno dalla sede della Guardia Costiera al Baby Park) è onestamente un arcano.

“L’unico “merito” dell’AdSP parrebbe, infatti, quello di essere stata nominata dal Governo centrale contro il parere delle due regioni interessate. E poi parliamo di aree che sono nella giurisdizione dell’AdSP solo perché al loro interno ci sono gli approdi di Rada San Francesco e perché, al tempo, un ulteriore approdo avrebbe dovuto essere realizzato all’Annunziata.

“Un attimo dopo il trasferimento di tutto il traghettamento a Tremestieri – aggiunge Franza -una territorialità così ampia non avrà più alcun motivo di esistere.

“Le aree dalla foce del Boccetta a quelle dell’Annunziata sono peraltro regionali (diversamente dalla zona falcata), per cui è sufficiente un decreto per riportarle nell’ambito originario e quindi immaginare un adeguato modello di sviluppo per la parte più pregiata del nostro territorio, guidato dalle Istituzioni locali cui   spetta tale compito.

“Avemmo modo di esprimere tutte le nostre perplessità sull’accorpamento con Gioia Tauro, soluzione tanto cara all’on. D’Alia, ma anche sull’attuale, gracile struttura dell’AdSP dello Stretto.

“Continuiamo a essere convinti che un’Autorità unica per tutti Porti della Sicilia Orientale, con Messina candidata a ospitare un’Agenzia per la Mobilità per governare la specificità dei collegamenti dello Stretto, possa svolgere con autorevolezza e credibilità il ruolo che le competerebbe ai sensi della Legge istitutiva”.

L’AD del Gruppo C&T si sofferma quindi su un passaggio dell’intervento dell’on. D’Alia relativo alla recente vicenda giudiziaria che ha visto coinvolto il Gruppo.

“Il forzoso oblio – dice Franza – ha evidentemente arrugginito l’empito garantista che pure aveva caratterizzato l’agire politico dell’On. D’Alia, il quale lascia cadere con apparente nonchalance un’affermazione apodittica sulla ‘ndrangheta che – a suo dire – “avevamo già sulle navi traghetto senza essercene accorti”.

Un’affermazione gratuita, ma soprattutto superficiale e populista, che non fa onore a chi l’ha pronunciata e che davvero stona sulle labbra di chi ha ricoperto ruoli apicali in politica e nelle istituzioni.

“L’On. D’Alia è avvocato e non può non sapere che lo stesso Procuratore di Reggio Calabria, nel presentare il provvedimento a carico di Caronte & Tourist, ha riconosciuto la terzietà della Società rispetto alla criminalità organizzata disponendo conseguentemente un’amministrazione giudiziaria che affianca, e non sostituisce, gli organismi di governo dell’azienda, che restano in carico con pieni poteri.

“La ricerca dell’audience – conclude l’AD di Caronte & Tourist – gioca evidentemente brutti scherzi. Oppure è vero che di notte tutti i gatti sono bigi…”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *