catania Cultura

Il dono di interpretare il mondo attraverso la pura semplicità

Possedere il dono di interpretare il mondo attraverso la pura semplicità di Guglielmo Rizzo

“Tutto quello che vogliamo combattere fuori di noi è dentro di noi; e dentro di noi bisogna prima cercarlo e combatterlo Leonardo Sciascia

Quando la Politica…………..
In questo tempo sospeso in cui tutti sogniamo la liberazione dell’incubo e la Nuova Vita, in un momento nel quale gli Italiani sono ai domiciliari e guardano all’orizzonte della povertà !!!

una stretta di mano tra grandi  28 Giugno 1977
Il Compromesso Storico

Il Progetto De Gasperiano di ancorare l’Italia all’occidente e costruire un Grande Partito Cattolico, fatto di Gente del Popolo. Il Cinema Neorealista in un Film che incarna la tragedia collettiva della disoccupazione legata alla perdita della “Dignità Sociale” nella Roma del Secondo Dopoguerra ” : Un povero uomo derubato della bicicletta deve trovarne subito un’altra per potere andare al “lavoro” come attacchino.

La “Appartenenza o c’è o non c’è perché chi non ha fatto un determinato percorso, certamente non può “possederla”, perché non si può certamente inventare.
Il mio ricordo, quando ci si confrontava con i Giovani Comunisti o con quelli del fronte della Gioventù, basato sul confronto leale delle Idee, pur di diversa appartenenza.

Proprio in questi giorni che ricompare in tutta ufficialità il vessillo dello Scudo Crociato,
rivedendo l’immagine  di un Grande Statista quale Aldo Moro, è quantomeno d’obbligo esternare qualche riflessione in merito.
La prematura scomparsa di  Aldo Moro dalla scena politica, senz’altro pose fine ad un possibile sviluppo della Democrazia Italiana, per una alternanza al potere delle grandi compagini partitiche popolari per cui vige la necessità della collaborazione e dell’accordo tra le forze popolari di ispirazione cattolico-democratica, ai fini di poter fronteggiare, oggi più che mai quel populismo dilagante incondizionato, ben lontano dalle esigenze dei cittadini, affinché la Libertà delle persone e delle coscienze vengano rispettate, al fine di dar corso ad un sano progresso di profondo rinnovamento della Società  civile, sulla base di un forte consenso di massa, risultato di un ceto politico e non di una scelta contingente, come oggi purtroppo accade (voto non di opinione; non voto), tanto ampio da poter resistere alla contrapposizione delle forze reazionarie e falsamente progressiste che agiscono negli interessi del particolare e non del collettivo, in pratica, oggi più che mai.
Quindi prodigarsi insieme per la partecipazione democratica e per l’unità di intenti, per come auspicava Alcide De Gasperi, per addivenire ad un programma di rinnovamento della Vita della Società  Civile.
Instaurare, in parole povere una intesa di Democrazia avanzata e partecipata, rispettando e realizzando le esigenze, i bisogni e le aspettative del Popolo; tutto ciò a garanzia del fatto che le Istituzioni Politiche debbano agire in un ambiente morale per cui il presupposto essenziale è la Coscienza dei Cittadini.
È L’ALBA O IL TRAMONTO” ? G.R.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *