economia primo piano

Eni – Intervista a Descalzi

Eni – Intervista a Descalzi

07/12/2020 EQ – L’intervista al CEO Caludio Descalzi al Sole 24 è prevalentemente incentrata sull’acquisizione di Dogger Bank annunciata la settimana scorsa:
– il 20% di quota è costato €443 mn. Il 70% del funding del progetto è coperto da project financing
– a regime avrà una capacità da 2.4 GW con un load factor del 60% (vs il 30% dell’eolico onshore e il 20% del solare). Il progetto getta le basi per raggiungere il target da 5 GW di capacità al 2025 – di cui 1 GW negli US con la collaborazione di Falck Renewables.
– 15 anni di copertura tramite contract for difference, assicurando stabilità dei flussi
– il progetto permetterà di incrementare l’esperienza nell’eolico offshore
– in Norvegia è stata costituita una società per partecipare alle gare sulle licenze delle rinnovabili (offshore).
In un intervista a Reuters, Massimo Mondazzi responsabile della divisione Energy Evolution, ha confermato l’interesse di (ENI.MI) in attività di sviluppo `greenfield`, insieme ad alcune piccole acquisizioni per raggiungere i target al 2030 con nuovi progetti in arrivo nei prossimi mesi. Le aree dove intende espandersi sono l`Europa negli Usa, in Australia e alcune area in sviluppo nella regione del Pacifico.
Riteniamo che Dogger Bank possa quantomeno avvicinarsi al target del 10% di ROCE di ENI sui progetti rinnovabili. Con il funding al 70% del progetto, calcoliamo un peso delle capex del progetto pari a €250-300 mn all’anno, le quali dovrebbero già essere incluse nel piano industriale. I target di capacità sulle rinnovabili a medio termine di ENI appaiono credibili, ma abbasseranno il ROCE complessivo per il differente profilo di rischio / rendimento dei quel tipo di investimenti. – By Fineco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *