primo piano

Agrigento, a 11 mafiosi il reddito di cittadinanza

Agrigento,  a 11 mafiosi il reddito di cittadinanza

Ad Agrigento una maxi indagine sui cosiddetti furbetti del reddito di cittadinanza ha dimostrato ancora una volta le carenze di questa legge fortemente voluta dal M5S. La Guardia di finanza e la Procura hanno scoperti 69 casi anomali, di cui 11 sono mafiosi. Una prima stima di questa  maxitruffa parla di 300 mila euro di danno, tuttavia l’inchiesta, coordinata dal procuratore capo Luigi Patronaggio e dal sostituto Gloria Andreoli, sembra promettere ulteriori sviluppi. La GdF infatti sta conducendo altri accertamenti. I percettori abusivi del reddito di cittadinanza, secondo i sospetti,  sarebbero molti di più. Attualmente il sequestro è scattato per 11 social card. Il reato è quello previsto dall’articolo 7 del decreto legge che ha introdotto la misura di sostegno: può scattare anche la reclusione da due a sei anni. Una legge nata male ed applicata ancora peggio. 
– nella foto il Procuratore di Agrigento Luigi Patronaggio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *