primo piano

Papa Francesco: “Cambiamenti climatici causano migranti forzati”

 “Ascoltiamo il grido della terra, distesa di sporcizia”

Il papa nel suo messaggio per la Giornata mondiale del Creato: “Non possiamo arrenderci o essere indifferenti alla perdita della biodiversità e alla distruzione degli ecosistemi. Ascoltiamo il grido della terra, distesa di macerie e sporcizia. Perché i cambiamenti climatici contribuiscono anche alla straziante crisi dei migranti forzati“. E’ questo il monito lanciato da papa Francesco nel messaggio per la Giornata mondiale del Creato, presentato in Vaticano. “Dio ci ha fatto dono di un giardino rigoglioso, ma lo stiamo trasformando in una distesa inquinata di macerie, deserti e sporcizia. Non possiamo arrenderci o essere indifferenti alla perdita della biodiversità e alla distruzione degli ecosistemi, spesso provocate dai nostri comportamenti irresponsabili ed egoistici, in unione con i fratelli e le sorelle ortodossi, e con l’adesione di altre Chiese e Comunità cristiane, la Chiesa Cattolica celebra oggi l’annuale Giornata mondiale di preghiera per la cura del creato. La ricorrenza intende offrire ai singoli credenti ed alle comunità la preziosa opportunità di rinnovare la personale adesione alla propria vocazione di custodi del creato, elevando a Dio il ringraziamento per l’opera meravigliosa che Egli ha affidato alla nostra cura, invocando il suo aiuto per la protezione del creato e la sua misericordia per i peccati commessi contro il mondo in cui viviamo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *