economia

Problemi Covid19 per Agenzie Tour e Operator

Documento del Movimento Autonomo Agenzie di Viaggio Sicilia

Egregio Presidente del Consiglio
Onorevoli Deputati e Senatori della Repubblica Italiana
Egregio Presidente della Regione Siciliana
Egregi Deputati Assemblea Regionale Siciliana
Egregio Assessore del Turismo, dello Sport e dello Spettacolo della Regione Siciliana.
Oggetto:Problematiche a seguito crisi COVI19 e possibili soluzioni per AGENZIE DI VIAGGI e TOUR OPERATOR.
Il gruppo autonomo Agenzie di Viaggi e Tour Operator Siciliani
in nome e per conto di 224 (duecentovenquattro) titolari di agenzie di viaggio, tour operator ed aziende del comparto turistico siciliano in generale, si desidera, con la presente, evidenziare lo stato di chi ha
dedicato anima e corpo allo svolgimento dell’attività nel settore Turismo, ma troppo spesso è stato trascurato dalle Istituzioni.
Rappresentano quel comparto economico, che contribuisce alla produzione del 13% del Pil, quel comparto che, attraverso il proprio lavoro quotidiano, sostiene e promuove in maniera indipendente il nostro bellissimo Paese. Contribuiamo a far girare l’economia nazionale, riempiendo gli aerei, le navi, gli hotel ed i pullman, potranno in Italia milioni di visitatori, organizzando le vacanze e la logisca per la maggior parte degli spostamenti, dando lavoro alle guide, ai taxi, agli ncc, riempiendo i nostri musei, i si
archeologici etc… etc…
Mi preme far presente il contributo che abbiamo dato nei momen di massima emergenza ed incessantemente anche adesso, non abbiamo mai smesso di adoperarci per far rientrare i nostri clienti,
nonché il popolo del web, persone da tue le par del mondo, assolvendo ad una “funzione sociale”, nella stragrande maggioranza dei casi a titolo gratuito o a nostro carico. La Farnesina in molti casi invita i nostri
connazionali a rivolgersi ad un’agenzia di viaggi!

Pur essendo consapevoli dello sforzo che lo Stato ha fao, necessiamo l’adozione di misure mirate, ordinarie e straordinarie, in grado di
impedire l’inevitabile tracollo del nostro settore (e’ a conoscenza che qualche nostro collega ha già messo in vendita gli arredi delle proprie agenzie, e non certo per smania di restyling?).
L’emergenza Covid 19 è senza ombra di dubbio la situazione di crisi più schiacciante, occorsa al nostro
Paese dai tempi dell’ultima guerra mondiale. Di sicuro, non siamo che una parte di quanti sono stati travolti da questo invisibile tsunami devastatore, ma, in particolare il turismo ha risento in modo peggiore rispetto
al resto delle aziende nazionali, “con colpo e contraccolpo”, infatti, oltre allo stop totale, imposto dal Governo, comprensibilmente mosso da questioni di sicurezza sanitaria nazionale, nelle nostre attività abbiamo visto andare in fumo anche il lavoro costruito nei sei mesi precedenti. Annullamenti delle
partenze, sospensione dei voli, chiusura dei confini, senza alcuna tutela legislativa, rientri con emissione di nuova biglietteria, anche a nostro carico… un’ emorragia di denaro che ci ha letteralmente
messi in ginocchio già dai primi giorni del lock down, non arginabile in alcun modo, dato il blocco totale degli incassi. La nostra categoria è sempre stata abituata a risollevarsi dai più svaria momenti di crisi,
fallimento e vettori aerei, tsunami, terrorismo, epidemie varie, ma non stavolta, stavolta non è
immaginabile un futuro senza aiu “estremamente concre”! .
Purtroppo ed inevitabilmente saremo il seore che dovrà sopravvivere alla ripresa di tu gli altri, del resto
non vendiamo beni primari, inoltre dovremo aendere che le persone tornino ad avere oltreché la disponibilità economica anche la sicurezza per affrontare qualsivoglia viaggio, bisognerà attendere e
spronare affinchè superino la paura e lo shock che stiamo vivendo tu. In sintesi, saremo noi del comparto del Turismo ad accusare il danno maggiore, il periodo di crisi più lungo, ma non accetteremo il supporto
insussistente sinora riservatoci!!!
In sintesi ecco la situazione:
Criticità:
-Situazione di “Danno emergente e lucro cessante”, dovu alla tracollo del faurato 2020 nonché al
mancato guadagno per almeno un anno (tempo prevedibilmente necessario affinchè il comparto turisco
riesca a rientrare a regime) .
-Difficoltà a mantenere gli auali livelli occupazionali (la cassa integrazione di 9 permane prevista ad oggi, ci supporterà a malapena per il periodo di blocco delle attività stabilita dal D.L. 9 Marzo 2020). I licenziamenti
diventerebbero inevitabili, ma obbliga, poiché costituirebbero un fardello troppo pesante in un “tentavo” di rimettersi in piedi , questo con impatto negavo anche per lo Stato, per il quale, diventerebbe nuovi disoccupati e costringerebbero comunque all’attivazione di ammortizzatori sociali.
-Perdite pecuniarie dovute al mancato rispetto, da parte di alcuni vettori aerei, delle regole del codice del turismo, in mol stanno negando i rimborsi dovuti, infrangendo il Reg (CE) 261/04 (mancato rimborso per la
cancellazione di un volo), incuran anche del disposto dell’Enac, che ha chiarito le tutele dei passeggeri con nota dell’11Marzo, in base al D.L. 2Marzo 2020, n.9, e in ultimo alcuni vettori aerei stanno effettuando
riprotezioni parziali, utilizzando solo “roe pure operate della propria compagnia”, contravvenendo così alla normava aerea che obbliga il vettore a rispettare la destinazione finale (a titolo esemplificavo alcune
compagnie stanno “abbandonando i propri passeggeri in aeroporti diversi da quelli indica nei biglietti originari, sempre a titolo esemplificavo si riportano casi dove il passeggero viene riproteo su Francoforte
anziché su Palermo, e comprenderà che non è esaamente semplice nè economico gesre il nuovo iter”).
-Gesone repro e conta veori tramite linee telefoniche a pagamento.
L’occasione è gradita per evidenziare un’altra assurdità del Turismo, la maggior parte dei vettori aerei si rendono irrintracciabili telefonicamente e/o a mezzo email, questo atteggiamento di chiusura viene
riservato non solo ai clienti ma anche alle agenzie di viaggi, le quali evidentemente non vengono riconosciute come facenti parte dello stesso comparto. Le agenzie viaggi hanno passato nelle ultime settimane interminabili al telefono, inseguendo operatori su linee promiscue e/o linee dedicate ma a pagamento . Sarebbe più che necessario che ogni vettore predisponesse una linea dedicata alle adv non soggette a tariffe pseudo- speciali e una email ad hoc!
-Perdita di liquidità per i pagamen già effeua per servizi non godu, aven come beneficiari sia strutture italiane che straniere, strutture che non vogliono o non possono rimborsare nonostante l’impossibilità al viaggio, a seguito del divieto stabilito dalle norme di contenimento nazionale e ad oggi anche internazionale.

  • Cause giudiziarie, sibillate dagli sciacalli di turno, nonché da faziose associazioni dei Consumatori, cause
    che ci vedrebbero chiama a rispondere come par del contrao di viaggio, salvo diritto di rivalsa nei confronti di inarrivabili compagnie aeree, struure riceve nazionali o estere, nella speranza che queste
    non dichiarino fallimento prima del termine delle cause stesse. Un peso ulteriore che non possiamo tollerare.
    Contromisure:
  • Garanre liquidità immediata alle agenzie di viaggio:
    -Prestiti a tasso zero garantiti della Regione o dallo Stato, da restituire fino a 24 mesi, con data di pagamento della prima rata da gennaio 2021.
    -Istituzione di un Fondo sostegno emergenza a fondo perduto destinato alle agenzie di viaggio, anche di piccolo importo, ma per consentire l’immediato respiro di cui abbiamo bisogno.
    -Sospensione di mutui, prestiti e leasing alle agenzie di viaggio per una durata di 12 mesi o più, sia relativamente alla quota capitale che a quella interessi.
  • Sostegno al reddito per i titolari di agenzie viaggio:
  • Contributo per i titolari di agenzia viaggio pari a € 1.000 al mese per una durata di 6 mesi o più (prevedibile periodo di blocco per i motivi spiega precedentemente).
    Ammortizzatori sociali per i lavoratori dipendenti di agenzie viaggio :
  • Cassa integrazione straordinaria in deroga per i lavoratori dipendenti per una durata di 6 mesi o più.
    Esonero pagamento contributi INPS:
  • Necessario per 6 mesi o più .
    Esonero pagamento tributi locali, tasse regionali ed utenze :
    -Necessario per 6 mesi o più.
    -Agevolazioni per la gestione dei costi nascenti dai noleggi a lungo termine per auto e mezzi
    aziendali
    -Proroga scadenze fiscali :
  • Sospensione e successiva rateizzazione in 36 mesi di tu i pagamenti fiscali per i prossimi 12 mesi.
    -Indennizzo di annullamenti registra e la perdita di fatturato:
    -Credito d’imposta, utilizzabile da subito, pari alla differenza tra ricavi o compensi registra nell’anno in corso rispeo al pari periodo del 2019.
    -Credito di imposta per chi investe nel turismo dopo la crisi in modo da permettere al settore di
    risollevarsi dopo questi mesi di difficoltà.
    -Sgravi fiscali per i clienti viaggiatori:
    -Detraibilità dalle tasse dei viaggi ulizzati a mezzo voucher rilascia dalle agenzie/to causa COVID19.
    -Sospensione per l’anno 2020 della tassa di soggiorno su tuo il territorio siciliano
    -Detrazione totale del costo del viaggio per chi è soggeo al pagamento dell’Irpef
    valido per tu i servizi turisci frui sul territorio nazionale.
    -Istituzione di un tavolo di crisi presso la Regione Sicilia:
  • Partecipazione di tu gli operatori turisci al fine di studiare ed attuare una serie di misure di sostegno a salvaguardia delle imprese turistiche. Credito d’imposta per botteghe e negozi:
  • DEFINITIVA ABOLIZIONE della tassa governava regionale siciliana, abolita sulla quasi totalità
    del territorio nazionale, ulma la regione Lazio nel 2018. Costituiscono incomprensibile eccezione Sicilia e Calabria. Balzello che penalizza oltremodo e senza giusficato movo le adv siciliane soprattutto alla luce di condizione di Regione a Statuto Speciale.
    -ISTITUZIONE di un Albo regionale di Agen di Viaggio e Direori Tecnici che abbiano conseguito la licenza presso l’ Assessorato al turismo regionale siciliano. Sarebbe opportuno poter consultare
    celermente e con chiarezza questo registro, ad es. sul sito dell’Assessorato al Turismo o della Regione. Lo strumento sarebbe particolarmente utile per arginare l’annoso problema degli abusivi.
  • conseguenza dell’Albo sarebbe il ripristino del un numero chiuso su base percentuale della popolazione. Il numero di presenze delle agenzie di viaggi per comune siciliano verrebbe stabilito
    in una percentuale concordata con un tavolo di programmazione e consultazione di operatori turistici e di settore intermediario.
    -ISTITUZIONE DI UNO SPORTELLO DEDICATO ALLE DENUNCE CONTRO L’ABUSIVISMO
    Contro questo nemico avremmo necessità di una dimostrazione di forza, il primo problema che
    incontrano le nostre denunce è trovare un interlocutore autorizzato e competente a raccogliere la
    denuncia stessa e conseguentemente accertarla. La Guardia di Finanza richiede la contestazione in flagranza di reato. I controlli più stretti degli ultimi anni da parte dell’Assessorato riguardano solo e soltanto le agenzie autorizzate, mai nessuno bussa alla porta del “Cancro del Turismo” (quello che non paga le tasse, quello che non paga Rc, quello che non paga Fondo di Garanzia, quello che non emette assicurazioni, quello che non ha nemmeno competenze a farlo, quello che ci sbeffeggia perché ha prezzi inarrivabili per noi, quello che fa abbassare i nostri fattura rubandoci i clienti)”
    -Verifica dell’esistenza del FONDO DI GARANZIA dei Tour Operator ed estensione dello stesso a
    12 mesi da ora o sino a validità voucher emessi per gestire emergenza Covid19. Un fondato more che aleggia nell’aria è che i tour operator, che adesso stanno rilasciando
    voucher da utilizzare nei tempi da ognuno indica (per lo più 12 mesi dall’annullamento del viaggio prefissato), possano da adesso all’utilizzo del voucher stesso, dichiarare fallimento, lasciando in
    capo all’agenzia viaggi il problema della gestione del sospeso con il cliente finale. Contro questa non remota possibilità, si richiede che venga richiesto a tu i T.O. del territorio nazionale di fornire adeguate tutele per adv e consumatore finale, tutele facilmente reperibili nel Fondo di garanzia con estensione della copertura al periodo di validità dei voucher. -Si richiede per tuo l’anno 2020, un credito d’imposta nella misura del 60 per cento nell’ammontare del canone di locazione.
    -PROBLEMA FEEDER e tariffe residen SICILIA.
    Alla luce della nazionalizzazione di Alitalia si invita a prendere in considerazione la proposta di istuire una
    tariffa residen Sicilia, che possa permeere di non subire un aggravio di spesa oltremodo gravoso per gli
    spostamen, che dato il caraere di insularità sono obbliga, nonché permeere che la tariffa stessa
    permea almeno un cambio a tolo gratuito. La richiesta nasce dalla pressante necessità di gesre i feeder
    di tanssime compagnie aeree di linea non compabili con Alitalia, piuosto che di charter. A fronte di
    imprevedibili cambi orari di volo, legislavamente permessi, siamo sempre obbliga a programmare il volo
    di avvicinamento al volo principale, con intervallo amplissimo ma a volte non sufficiente, il tuo con ulteriore aggravio dei cos per l’obbligo e/o precauzione di pernoamen in prossimità dell’aeroporto principale di partenza.
    -TASSAZIONE ED IVA
    I servizi offer da tue le categorie del seore turisco ( riceve, traspor, ecc.) sono assoggettate ad iva del 10% mentre i servizi offer dalle ADV sono assoggettate ad iva del 22%, pertanto
    richiediamo equo trattamento ed allineamento iva al 10%, come tue le categorie turistiche non avendo nemmeno la possibilità, beffardamente perchè ritenute a regime speciale, del regime
    forfettario.
    -CAMPAGNA A SUPPORTO DELLE PRENOTAZIONI IN AGENZIA di VIAGGI
    Per supportare la professionalità che ci contraddistingue si richiede con forza una campagna che invi il
    consumatore finale a preferire le Agenzie di Viaggi rispetto all’abusivo o al fai da te. E’ importante che
    l’Agenzia Viaggi non sia vista come mero punto dove estorcere informazioni, ma un luogo dove trovare
    professionisti che costruiscono garanzia prima, durante e dopo il viaggio.
    Vi chiediamo di considerare nella stesura del prossimo Decreto Urgente e/o Provvedimento Legislativo
    Regionale tue le problematiche illustrate e gli accorgimenti suggeri, si traa di misure necessarie per
    scongiurare il tracollo economico del seore, un epilogo inevitabile nel caso in cui la politica si dimostrasse
    sorda rispetto alle nostre richieste.
    In attesa di un Suo gradito riscontro, La ringraziamo e salutano cordialmente
    Movimento Autonomo Agenzie di Viaggio Sicilia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *