primo piano

Spacciatore con reddito di cittadinanza, GdF 11 arresti

MESSINA Giostra: spacciatore con reddito di cittadinanza, GdF 11 arresti

Giostra,  spaccio 24 ore su 24,  a capo dell’organizzazione il figlio di un killer del clan Galli

Uno dei fermati era percettore del reddito di cittadinanza.  La notizia crea indignazione.  “Su tale aspetto verranno avviati mirati approfondimenti tesi a verificare la liceità della percezione del relativo sussidio”, affermano le Fiamme gialle del comando provinciale diretto dal colonnello Gerardo Mastrodomenico.

La Guardia di finanza di Messina ha eseguito 11 misure cautelari, c’era tra gli altri il figlio di un killer del clan Galli di Giostra, assassinato il 22 maggio 2001 in un agguato mafioso. Questo ragazzo ventinovenne in virtù della sua discendenza aveva scalato i vertici del clan. Nel corso dell’indagine sono stati sequestrati oltre 2 chili di cocaina e oltre 10 chili tra marijuana e hashish, arrestate in flagranza 8 persone e accertati oltre 2.500 episodi di spaccio nel periodo compreso tra novembre 2018 e febbraio 2019. Alcuni degli indagati avevano a disposizione anche delle armi. “L’attività di oggi – dicono gli uomini della GdF – costituisce un altro duro colpo alle organizzazioni criminali operanti nel rione Giostra di Messina, notoriamente sotto l’influenza di uno dei clan storici e più strutturati della città”.

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *