primo piano

Daniela Baglieri potrebbe entrare in giunta regionale

Ora Daniela Baglieri potrebbe entrare in giunta regionale

Secondo voci non smentite Daniela Baglieri potrebbe essere la nuova assessora regionale al posto di Alberto Pierobon, responsabile all’Ambiente. In passato la Baglieri, professore ordinario di Economia all’Università di Messina, è stata vicina all’ex rettore, oggi on Pd, prof. Pietro Navarra ed all’ex on. regionale Beppe Picciolo, leader di Sicilia Futura ed esponente di Italia Viva. Motivi di opportunità indurrebbero Musumeci ad attendere che il premier Draghi completi il quadro di viceministri e sottosegretari che, nella sua stesura finale, potrebbe coinvolgere anche qualche suo Assessore attualmente in carica che, in tal caso, potrebbe liberare qualche posto in Giunta. In particolare due sono i nomi più gettonati: Roberto Lagalle e Gaetano Armao. Comunque vadano le cose i tempi dovrebbero essere brevi e ben presto il Presidente Musumeci potrebbe varare un rimpasto forse non limitato al solo ingresso di un elemento femminile in sostituzione di Bernardette Grasso, che era l’unica donna in Giunta e la cui esclusione ha suscitato un vespaio di polemiche ed un ricorso al Tar. Sul nome della prof. Baglieri sembra registrarsi oggi una convergenza  di interessi tra Italia Viva e il gruppo di Ora Sicilia dell’on. Luigi Genovese. Questo rende più consistente la sua candidatura, tuttavia vanno considerate alcune variabili che sono maturate rispetto alla impostazione iniziale: la candidatura della dirigente palermitana dell’Udc Ester Bonafede e la straordinaria solidarietà che si è sviluppata intorno al “bravo” Assessore Alberto Pierobon. Quello che doveva essere un blitz da condurre mediante uno scambio in stile Tuareg tra Ora Sicilia e Udc (io dare a te 2 deputati, tu dare a me Assessore) sembra essersi inceppato, il risultato finale appare diverso da quello inizialmente previsto, l’epilogo di questa vicenda resta avvolto nel mistero ed è comunque saldamente nelle mani del Presidente Nello Musumeci.

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *