calabria

IL PROGETTO PRIMA CHE IL CANDIDATO di Massimo Mastruzzo*

Conta più il nome del candidato o un progetto politico di un gruppo di persone ?
La vecchia politica mette il nome del candidato al primo posto, ed è innegabile che questo modus operandi è quello al quale tutti noi siamo più avvezzi, assuefatti come siamo da decenni di esaltazione dell’uomo singolo al comando.
Il nuovo concetto di lavoro, e di politica, da invece priorità al progetto, alla squadra, al gruppo di lavoro, al team, al brainstorming: persone accomunate da un obiettivo comune, da un ideale e, perché no, dallo stesso sogno.
È innegabile che per tutti noi il candidato ideale sarebbe Pino Aprile, non in quanto Pino Aprile, ma in virtù del fatto che lui rappresenterebbe la sintesi del concetto di Equità Territoriale attorno al quale tutti noi ci siamo ritrovati cercando a nostra volta di divulgare.

La Calabria sarebbe il terreno ideale per accogliere il seme dell’equità Territoriale, il condizionale è dato dallo stato di aridità, per abbandono istituzionale, in cui si trova il territorio calabrese, situazione che ha creato una disillusione difficilmente eradicabile. Le persone tendono a non credere più a nessuno, l’usucapione fatto sul loro voto svuoterebbe d’altronde ogni ideale.

Noi di M24A-ET però non molliamo, crediamo che l’Equità Territoriale sarà il concetto attraverso il quale creare una nuova identità politica in cui credere e lottare per il futuro della Calabria.

Proprio perché accomunati da un progetto comune, che ha la sua massima declinazione politica nel concetto dell’Equità Territoriale, sappiamo anche che il progetto stesso è prioritario rispetto al nome di un un candidato. Gli “esperti” in politica ci stanno già dicendo che stiamo sbagliando, che “a genti voli u sapi u nomi du candidatu”. Noi ribadiamo che alla gente vogliamo offrire un ideale, un progetto, una speranza che il futuro possa essere diverso: per i giovani che non dovranno più fare le valigie per emigrare, per gli ospedali che potranno accogliere chi oggi è costretto ad emigrare per farsi curare, per una rete ferroviaria ed autostradale degna di un paese membro della Comunità Europea.
Vogliamo far leggere l’articolo 3 della Costituzione per pretendere tutti insieme che venga ratificato anche in Calabria

Ed allora il candidato, se supportato da chi crede in questo progetto, posso essere anche io, puoi essere anche tu, può essere chiunque creda nel progetto dell’equità Territoriale di M24A-ET.

*Direttivo nazionale M24A-ET
Movimento per l’Equità Territoriale

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *