primo piano

Paese che vai, De Luca che trovi

A Napoli Vincenzo De Luca, il Governatore, chiude le scuole e minaccia il coprifuoco dalle 10 di sera, a Messina Dr Luca Cateno ricomincia le dirette tv e facebook. Sono tornato”. Grida quasi felice del ruolo ritrovato, dalla nuova crescita dei contagi conseguenza della fase 2 dell’emergenza dipende infatti la ripresa delle sue dirette social sull’emergenza covid. Questo nuovo ciclo di collegamenti non dovrebbe essere realizzato nel Centro operativo della Protezione Civile, come avvenne in passato, ma trasmesso da Palazzo Zanca con cadenza settimanale, ogni venerdì. Lui intanto si prepara al primo evento televisivo con questo antipastino sparato contro il “rivale” Nello Musumeci. Ecco cosa scrive il sindaco: “Nefandezza del Governo Musumeci a carico dei cittadini. A breve tariffe raddoppiate e  ‘viaggi della munnizza’ all’estero” Messina, 17/10/2020: “La vera lotta alla burocrazia specialmente per quanto riguarda il tema dei rifiuti, dovrebbe attuarsi in termini reali e non con i proclami contro i dipendenti regionali per poi premiarli tutti indistintamente. Si potrebbe, ad esempio, già immediatamente intervenire con la sospensione delle commissioni UREGA, inadeguate per i servizi di raccolta e spazzamento, visto che nella Città Metropolitana di Messina si attende via aprile 2019 l’aggiudicazione degli appalti dei servizi di raccolta e spazzamento. I sindaci costretti a provocare Gli affidamenti in regime di ordinanze contingibili ed urgenti rischiano il collasso e ritardi burocratici dell’Urega. Si potrebbe, inoltre, dedicare una mini commissione regionale VIA solo per quanto riguarda l’impiantistica dei rifiuti con 6-8 esperti che valutino le proposte ormai ferme al palo da 2 anni e che stanno mettendo in ginocchio i comuni costringendo i comuni ai “viaggi della munnizza” da Palermo e Catania e da Milazzo ad Alcamo, etc”. Così afferma il Sindaco di Messina, Cateno De Luca, all’incontro con l’on. Danilo Lo Giudice, il Presidente della SRR, ing. Nicola Russo e i Sindaci dei Comuni di Giardini Naxos, Letojanni, Gaggi e Pagliara, per i quali ancora la raccolta dei rifiuti sul territorio è garantita con Ordinanza contingibile e urgente i cui effetti non possono, per legge, essere prorogati oltre il 30.11.2020, in quanto sono trascorsi i 18 mesi di possibile proroga previsti dall’art.191 di cui al codice dell’ambiente. Grazie all’Ordinanza del Sindaco Metropolitano De Luca, dall’aprile del 2019 alla data odierna è stato possibile permettere ai Comuni la continuità del servizio di raccolta e spazzamento, incrementando notevolmente anche i livelli di raccolta differenziata (si è passati dal valore medio del 22% del mese di aprile 2019 al 67% negli ultimi mesi in corso con punte in alcuni Comuni di oltre l’80%), nelle more della conclusione della gara indetta da SRR “Messina Area Metropolitana” ed in corso di espletamento oramai da 13 mesi negli uffici regionali dell’UREGA Messina, per l’individuazione del nuovo Soggetto gestore che si dovrà occupare della raccolta dei rifiuti. “A breve – conclude il Sindaco peloritano – come oramai noto, i comuni e le SRR si dovranno sobbarcare i costi per spedire fuori regione i rifiuti, con le tariffe che schizzeranno alle stelle. La Regione Siciliana è  colpevole del ritardo accumulato –  vedi gestione emergenziale 2018 e mancata attuazione del Piano Rifiuti – che gioca a scaricabarile con i sindaci realmente impotenti di fronte alla sventura che sta per capitare”. Ufficio Stampa Cateno De Luca

Come esordio di campagna anticovid e anti-Musumeci, che per lui, almeno sul piano temporale, coincidono, non è male. Se la circostanza non fosse tragica, si potrebbe dire: ci sarà da divertirsi.

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *