politica

REFERENDUM, I COMUNISTI VOTANO NO!

REFERENDUM COSTITUZIONALE, I COMUNISTI VOTANO NO!

“I sostenitori del Si chiedono sostengo dicendo che il voto al Si è per mandare a casa i parlamentari assenteisti. Niente di più falso!”

 Lo affermano Antonio Bertuccelli e Francesco Ucchino del Fronte di Resistenza Comunista.

“Non mandano a casa nessuno. Fosse solo questo il problema basterebbe non ricandidarli e, per questo, non serve cambiare la Costituzione. Non si spiegherebbe perchè proprio i parlamentari più assenteisti dicono di votare Si.” “La verità, proseguono gli esponenti comunisti, è che vogliono proseguire un certo programma collegato a due che hanno dimezzato, o che aspiravano a dimezzare, il parlamento. I due sono stati il dittetore fascista Benito Mussolini (portò, per non avere opposizione ed accentrare il potere su se stesso, il parlamento a 400 componenti) e Licio Gelli, capo della loggia P2. I comunisti non ci stanno e votano NO!”

  • al 7 punto del piano Gelli era prevista la riduzione del numero dei parlamentari
Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *