Barcellona primo piano

Milazzo, concluse verifiche Carabinieri N.A.S. e Commissione ASP ME

Ospedale di Milazzo, concluse le verifiche dei Carabinieri del N.A.S. e della Commissione istituita dall’ASP di Messina

In data odierna 5 ottobre si è riunita l’apposita commissione tecnica di indagine dell’ASP di Messina, immediatamente istituita dal Direttore Generale, per il caso dell’uomo deceduto giovedì u.s. all’ospedale di Milazzo e trovato dai familiari in condizioni non decorose; ad inizio i componenti hanno provveduto a verificare i locali della Sala Mortuaria le cui condizioni igieniche sono risultate buone e idonee alla destinazione d’uso.

Successivamente la commissione si è recata presso la Rianimazione, anche qui gli ambienti sono stati trovati in buone condizioni igieniche sia nell’area di degenza che negli ambienti attigui; la capo sala del reparto ha riferito che il paziente deceduto era stato regolarmente sottoposto ad igiene personale secondo le procedure interne e successivamente, al momento del decesso, si era provveduto alla totale igiene del corpo e alla ricomposizione della salma, avendo cura di sostituire le medicazioni  e la stomia chirurgica.

Durante la mattinata di sabato 5 ottobre presso l’Ospedale di Milazzo anche i Carabinieri del N.A.S., hanno effettuato una minuziosa ispezione degli stessi ambienti, verificando locali, celle frigorifere e procedure in uso; non sono state rilevate criticità igienico-sanitarie riconducibili al caso in questione, e nemmeno presenza di infestazione di pidocchi in altri ricoverati.

“Pur confortato dalle risultanze dei verbali delle verifiche effettuate, resto in attesa della conclusione del procedimento a seguito degli atti della Polizia e dei Carabinieri dei NAS; sento comunque di esprimere turbamento e profondo dispiacere per l’episodio, e nel porgere le mie scuse ai familiari a nome dell’ASP di Messina per il dolore involontariamente arrecato, mi impegno a disporre immediatamente il rafforzamento della vigilanza sulle sale mortuarie dei nostri ospedali, per assicurare e tutelare il decoro delle salme.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *