politica primo piano

L’Atm non andava messa in liquidazione così in fretta

Questo quanto scrivono tempestivamente 4 consiglieri del Pd appresa della sentenza del Tribunale che conferisce 10 milioni ad Atm.

“I Consiglieri comunali del Partito Democratico Felice Calabrò, Antonella Russo, Libero Gioveni e Gaetano Gennaro, che avevano già presentato proposta di delibera in merito alla messa in liquidazione di Atm, alla luce della recentissimo provvedimento del Tribunale di Messina, dello scorso 4 luglio, che ha riconosciuto a carico dell’Assessorato regionale delle Infrastrutture della regione Siciliana, a favore dell’ATM di Messina la somma di € 5.430.483,72, ed a favore del Comune di Messina la somma di € 4.364.027,31, oltre Iva, a titolo di riconoscimento di maggiore contributo regionale per il trasporto pubblico locale, dal 2012 al 2016;

Atteso che tale rilevantissimo riconoscimento economico a favore delle casse dell’Azienda speciale può avere delle conseguenze di non poco conto in ordine alla  permanenza delle condizioni di bilancio che hanno condotto il Consiglio comunale a deliberare l’avvio della procedura di messa in liquidazione dell’ATM di Messina,

CHIEDONO

Che la Commissione Bilancio e Società Partecipate inviti in una urgentissima seduta sia l’Amministrazione comunale che i nominati Commissari liquidatori, affinchè riferiscano all’Aula in merito alle conseguenze che tale pronunciamento giudiziario riverbera sul mantenimento delle condizioni economiche e amministrative che avevano condotto alla iniziale proposta di messa in liquidazione dell’ATM di Messina.

I consiglieri comunali

Felice Calabrò, Antonella Russo, Libero Gioveni, Gaetano Gennaro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *