editoriale

Muore De Michelis. La fine del socialismo tricolore

La fine del socialismo_tricolore di Rino Nania

Gianni_De_Michelis muore ed un’altra stagione si chiude con l’interprete più vitalistico di quel mondo. Era il socialismo da bere che riuscì a lasciare traccia del suo passaggio nella storia italiana per essere, oltre tangentopoli, riuscito a ravvivare il dibattito pubblico virando verso un riformismo tricolore che provava a coniugare la sensibilità nazionale con l’idea di Stato, avviando un confronto importante sulle riforme costituzionali. Oggi nel ricordo di molti rimane una stagione di grande animazione culturale e politica in un sistema bloccato dal bipartitismo imperfetto DC / PCI, di cui rimane poco perché la logica partitocratica si è imposta,saccheggiando le finanze dello Stato pur di controllare un elettorato ‘assistito’ e senza più valori. Il popolo/elettorato così manipolato, inteso esclusivamente come preda di un capillare clientelismo amorale e vittima/complice di un pervasivo sistema corruttivo, ha reso la Repubblica_Italiana ancora più fragile e soggetto ricattabile nel suo percorso storico di affrancamento dalla contrapposizione geopolitica tra USA e URSS, seppur con qualche sussulto dignitoso come quello di Sigonella, dove Bettino Craxi con Ministro degli Esteri Andreotti tentarono di pretendere rispetto da chi intendeva l’Italia solo una colonia senza autonomia e dignità. Quei protagonisti contribuirono, nelle loro interpretazioni e con De_Michelis anche nelle sue versioni mondane, con intelligenza e muniti di un patrimonio culturale, cercando di dimostrare che l’Italia avesse una dignità e fosse uno Stato_Sovrano che meritava rispetto oltre ogni tracotanza, da qualunque parte potesse provenire. (Rino_Nania / 10 maggio 2019)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *