economia

Architetti siciliani, Falzea apprezza i bandi dell’Assessore Falcone

Architetti siciliani, Falzea apprezza i bandi dell’Assessore Falcone

 

Varati i bandi tipo per gli affidamenti di Servizi di Architettura e Ingegneria, ai sensi dell’art.7 della L.R.12/2011, con
decreto n° 30 GAB del 5/12/2018, a firma dell’Assessore Regionale alle Infrastrutture ed alla Mobilità, On. Marco
Falcone.
Gli operatori del settore aspettavano da anni questo importante strumento da mettere a disposizione delle stazioni
appaltanti per accelerare le procedure di affidamento, puntando su regole certe e trasparenti.
“Abbiamo apprezzato il prezioso contenuto dei bandi allegati al decreto firmato dall’Assessore Falcone che,
interpretando le norme vigenti in modo intelligente, offrono un notevole contributo alle politiche auspicate dai
professionisti per ridurre i tempi negli affidamenti, per aprire il mercato agli operatori economici medio-piccoli e per
rilanciare la centralità del progetto nel processo di esecuzione delle opere pubbliche “.
Lo afferma il Presidente della Consulta Regionale degli Architetti Giuseppe Falzea, che riconosce il decreto
dell’Assessore Falcone, quale chiaro segno positivo del Governo Musumeci, non solo per le stazioni appaltanti, ma
anche per i liberi professionisti, che chiedono un ulteriore sforzo al Governo Regionale per trasformare l’idea di
quella centrale di progettazione, che rischia di statalizzare il progetto sottraendolo al libero mercato, in una cabina
di regia per la programmazione e per la gestione dei fondi di rotazione finalizzati al finanziamento dei progetti da
affidare ai liberi professionisti.”
“Formuliamo i nostri complimenti, conclude Falzea, a chi ha tecnicamente redatto i bandi tipo ed in particolare
all’architetto Salvo Lizzio, Dirigente Generale del Dipartimento Regionale Tecnico, ed all’Arch. Rino La Mendola,
Dirigente del Genio Civile di Caltanissetta, che aveva già trattato proficuamente il tema in ambito nazionale, nel ruolo di Vice Presidente del Consiglio Nazionale Architetti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *