lombardia

Sesto, il Pd chiede una modifica al regolamento sulla mobilità abitativa

       Sesto, il Pd chiede una modifica al regolamento sulla mobilità abitativa                                                                                                          

Questa sera in Consiglio Comunale verrà portata in votazione una modifica al regolamento sulla mobilità abitativa, per aggiornarlo secondo le linee di aprile 2017 della Regione Lombardia. Si tratta però di un regolamento che Regione Lombardia ha già modificato nel 2018 a partire dalle forti criticità della sperimentazione. È infatti già stato costituito un tavolo regionale che lavori a una nuova legge a cui seguirà la riforma del regolamento regionale.

 

Infatti, grazie al lavoro del Partito Democratico in Regione, sono stati colti alcuni limiti di questo regolamento, proprio attraverso le esperienze fatte nelle città come Sesto che hanno fatto da sperimentatori delle norme del 2017.

In Regione la maggioranza ha recepito la mozione del Partito Democratico, riconoscendo i limiti emersi dalle sperimentazioni e accettando la proposta di costituire un tavolo per modificare quella legge e soprattutto quel regolamento al quale Di Stefano chiede di adeguarci oggi.

 

Un regolamento quindi  che è già superato e poco utile, proprio perché la Regione stessa ha cambiato e cambierà ulteriormente le direttive.

Fra un mese il regolamento regionale potrebbe essere profondamente mutato e Sesto si ritroverebbe impossibilitato a recepire le novità e godere delle ricadute positive: saremo allora costretti a tornare in Consiglio Comunale e cambiare quello che oggi ci verrà sottoposto.

 

Per questo il gruppo consiliare del Partito Democratico chiede alla Giunta di ritirare la trattazione così da poter riaprire il processo di discussione nelle commissioni, partecipando al tavolo regionale, per essere protagonisti del cambiamento e non costretti a rincorrere un treno che sta per partire.

 

Roberta Perego

Capogruppo Partito Democratico

Consiglio Comunale Sesto S.G.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *