cronaca primo piano

Il TDM interviene sul cattivo funzionamento del Centro Unico Prenotazioni

SANITA’: Il TDM interviene sul cattivo funzionamento del Centro Unico Prenotazioni

 

Da diverso tempo e da diverse fonti giungevano segnali di protesta per il cattivo funzionamento del Servizio denominato Cup (Centro Unico Prenotazioni), elemento essenziale di collegamento per il cittadino che ha necessità di interloquire con la realtà ospedaliera per prenotare visite specialistiche o interventi.

Oggi, dalle colonne del quotidiano Gazzetta del Sud, apprendiamo che al coro di proteste si unisce la voce autorevole del dr. Giuseppe Laganga Senzio, Commissario del Policlinico di Messina, che si schiera apertamente con l’utenza.

Questo intervento fa capire le dimensioni del disservizio e la gravità delle conseguenze che si ripercuotono non soltanto sul normale funzionamento delle strutture sanitarie, ma sulla stessa vita dei pazienti che, per il ritardo eccessivo e immotivato di una prestazione medica o chirurgica necessaria, rischiano ripercussioni gravi sulla propria salute.

Per quanto sopra, lungi dal voler alimentare facili allarmismi, riteniamo doveroso invocare non solo l’intervento immediato delle Strutture preposte alla vigilanza di questo servizio, ma interessare del fatto anche la Prefettura e l’Autorità giudiziaria, perché, se come si evince dallo stesso articolo del quotidiano cittadino, certi disservizi potrebbero dipendere dalla circostanza che la ditta Radio Call, che in atto gestisce il sevizio Cup, sarebbe in scadenza di mandato, non sarebbe una cattiva idea pensare ad un eventuale giudizio di responsabilità nei confronti di questa Azienda nel caso in cui fosse provato che avesse incominciato a tirare i remi in barca prima di giungere in porto, a scapito della salute dei cittadini.

MESSINA, 27.10.2018

 

Giovanni Frazzica

Coordinatore Tribunale per i Diritti del Malato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *