attualità Barcellona

Libro di Patrizia Zangla tradotto in inglese presentato alla Frankfurter Buchmesse 

“I Neri e i Rossi, le trame segrete” di PATRIZIA ZANGLA  tradotto in lingua inglese. Presentato alla Frankfurter Buchmesse, Fiera Internazionale del Libro di Francoforte in Germania

 

È stato tradotto in lingua inglese un compendio del saggio “I Neri e i Rossi, le trame segrete”. È un ragguardevole traguardo che apre a nuove prospettive editoriali. Il libro ha riscontrato grande interesse nei lettori che vogliono capire l’Italia di oggi, è questo il motivo del suo successo, il valore aggiunto dei saggi della Zangla è condurre a comprendere, attraverso la storia passata, la sfaccettata realtà sociale e politica italiana. Il libro è stato infatti acquisito da molte Università, è un lungo elenco che attesta i più qualificati atenei europei e del mondo, come il Canada, e vi figurano anche molti italiani.

Dal 10 al 14 Ottobre 2018 il saggio sarà alla Fiera Internazionale del Libro di Francoforte, la BUCHEMESSE, la più importante Fiera del Libro d’Europa e tra le più grandi del mondo accostabile a New York. Il libro della storica, già presente a Manhattan alla Fiera di New York, sarà ora a Francoforte.

La storica Patrizia Zangla, il cui profilo internazionale è ormai noto e ricco il suo carnet di riconoscimenti di alto respiro culturale, ha così commentato questo prezioso risultato:

«Da oltre quindici anni mi occupo di Storia contemporanea e quest’ultimo lavoro è un complesso campo di ricerca, il terrorismo degli anni di piombo in Italia con correlazioni europee e per molti aspetti mondiali. Un lavoro scientifico rigoroso che unisce ai fatti l’esegesi, devo constatare che anche il mercato internazionale è molto interessato. È un duplice interesse sia alla saggistica storica, ai fatti in sé che coprono oltre vent’anni, dal ‘60 all’80/’85, sia alle molteplici implicazioni sull’attualità. Storici,  giornalisti, politici e chiaramente lettori che tentano di capire l’Italia di oggi prima di tutto vogliono conoscere la storia della nostra prima Repubblica. È un pubblico colto e avvezzo alle letture importanti. Questo è indubbiamente un ottimo risultato, finora mi hanno letto nella nostra lingua madre, l’italiano, ora intraprendiamo quest’avventura in lingua inglese».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *