politica primo piano

Sorbello: intitolare via Garibaldi alla Madre Assunta si può

Sorbello: intitolare via Garibaldi alla Madre Assunta si può

Alcuni giorni fa il consigliere comunale Salvatore Sorbello aveva chiesto che la Via Garibaldi venisse intitolata alla Madre Assunta. Ecco cosa scriveva il neo consigliere Sorbello: “Compatibilmente con gli impegni della nuova amministrazione su temi centrali per la rinascita di Messina a carattere prioritario, si ritiene sia giunto il momento d’intitolare la Via principale, sulla quale transitano ogni anno le speranze di un’intera Città, alla Madre Assunta. Sudore, lacrime, amore, spirito di fratellanza, tutti elementi che uniscono i Messinesi e che ogni anno consolidano un forte senso di appartenenza e d’identità. Si è certi che il Sindaco, insieme alla Giunta Comunale ed a tutti gli organi preposti – continuava Sorbello – vorrà valutare l’opportunità di cambiare il nome di Via Garibaldi in Via della S.S. Assunzione o Via Maria SS Assunzione o via della Madre Assunta, o, ancora, Via Dell’Assunzione, in accordo col parere della Curia e del Comitato Vara, i quali potranno aiutarci nella scelta più appropriata della nuova intitolazione”. “La proposta non nasce da sentimenti politici, ma da un forte senso di attaccamento e di appartenenza alla Città di Messina. L’Assurgere di Maria alla Gloria Imperitura, fin quando durerà l’umanità, è storia. L’idea nasce dal confronto coi fatti, una Via che vive ogni anno l’amore e la speranza di un popolo, quello Messinese, unito sotto lo stesso spirito, che rinnova il proprio atto di fede verso la Madonna Assunta. Da secoli, infatti, migliaia e migliaia di Messinesi percorrono ogni anno, a piedi nudi, quella via, affidando le loro preghiere, le loro speranze, i loro sogni alla Madre Celeste, che, non dimentichiamolo, è anche Protettrice della Città di Messina, da sempre devota a Maria”. “Messina è Città Mariana, come ricordato da tutti i Sommi Pontefici che si sono susseguiti nel corso dei secoli a da ultimo anche dal Santo Padre e Sommo Pontefice, Sua Santità Eccellentissima e Reverendissima Giovanni Paolo II, venuto in visita l’11 giugno del 1988, per la canonizzazione della Beata Eustochia.  La Madre Assunta merita di avere a Lei dedicata la sua Via, la Via di tutti i Messinesi. L’auspicio è che l’immagine della Città di Messina devota a Maria, maestosamente rappresentata dalla tradizionale processione della Vara, possa esprimere, anche attraverso l’intitolazione della via alla Madre Assunta, l’identità del popolo messinese”. La proposta dell’avv. Sorbello che, certamente al di là delle sue intenzioni, ha messo in moto una considerevole mole di interventi, suddivisi in maniera più o meno uguale tra favorevoli e contrari. Naturalmente al momento si tratta solo di opinioni in libertà, perché sul tema dovrà pronunciarsi preliminarmente la Commissione per la toponomastica del Comune che dovrà esaminare anche tante richieste di diverso genere. Tuttavia l’iniziativa di Salvatore Sorbello negli ultimi tempi, oltre alle tesi contrapposte, ha incassato anche una proposta di compromesso che potrebbe essere di conciliazione tra le esigenze dei garibaldini intransigenti ed i ferventi cattolici: assegnare alla Madre Assunta il tratto che va da Piazza Castronovo fino all’incrocio con via 1° Settembre, che coincide con il tragitto della Vara, mentre all’Eroe dei due Mondi verrebbe lasciato il tratto più centrale che giunge fino a Piazza Cairoli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *