Barcellona

Milazzo, si può considerare normale il servizio chirurgia dedicato solo alle urgenze ?

Al “Fogliani” di Milazzo si può considerare normale il servizio di chirurgia dedicato solo alle urgenze ?

CittadinanzAttiva Sicilia onlus

ASSEMBLEA TERRITORIALE DI MILAZZO

Rete territoriale del Tribunale per i Diritti del Malato

                                     

COMUNICATO

Ancora una volta la scrivente organizzazione sente il dovere di intervenire a tutela e difesa della salute di chi è costretto a ricorrere all’assistenza ospedaliera.

Al “Fogliani” di Milazzo si può considerare normale il servizio di chirurgia dedicato solo alle urgenze ?

E’ quanto capita già da diversi giorni, con gli interventi di “routine” già programmati continuamente rinviati per via delle priorità legate ai casi urgenti.

Riteniamo non sia normale che da oltre 10 giorni non è possibile eseguire interventi chirurgici del reparto di ortopedia, regolarmente e doverosamente pianificati dall’apposita equipe medica.

Vero è che viviamo un periodo di straordinaria affluenza di presenze nel nostro territorio, e che inevitabilmente fa lievitare la richiesta di assistenza ospedaliera.

Proprio per questo una dirigenza sanitaria illuminata avrebbe dovuto potenziare H 24 il pronto soccorso con un numero maggiore di medici ed infermieri, e con un saggio inserimento di anestesisti e chirurghi potere eseguire interventi anche in notturna, o nei momenti di minore pressione delle urgenze.

Un record quello di pochi giorni fa con 38 (trentotto) persone in coda al pronto soccorso con almeno tre “codice rosso” e n.5 (cinque) ambulanze in fila per affidare alle cure gli “sventurati” presenti a bordo, e con indicibili momenti di tensione.

E’ davvero tanto complicato mettere in atto quanto necessario al fine di evitare che succeda l’irreparabile?

Da parte nostra continueremo a vigilare perché il diritto alla salute, oltre che costituzionalmente garantito, venga adeguatamente praticato.

L’assemblea Territoriale di Milazzo

Franco Scicolone

Milazzo, 22 agosto 2018

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *