politica primo piano

Dino Bramanti passa con Salvini insieme ad altri tre consiglieri

Dino Bramanti passa con Salvini insieme ad altri tre consiglieri

Insieme a lui anche i consiglieri Salvatore Serra, Giovanni Scavello e Giovanni Caruso

Incredibile, ma forse vero, pare che il prof.  Dino Bramanti, eletto al Consiglio comunale nella lista civica a suo nome, sta per ufficializzare l’adesione alla Lega di Matteo Salvini. Insieme a lui altri tre consiglieri eletti nella sua lista: Salvatore Serra , Giovanni Scavello e Giovanni Caruso che, insieme a lui,  andranno a costituire il gruppo consiliare del Carroccio a Messina. Inoltre, nella Quarta Circoscrizione, aderirebbe il consigliere di quartiere Giuseppe Cucinotta.
“E’ una decisione che abbiamo maturato dopo una serie di riunioni e incontri con i responsabili regionali e provinciali degli enti locali della Lega,  Fabio Cantarella e Matteo Francilia – ha affermato Bramanti – e che mi permetterà di mettere ancora più a servizio le mie conoscenze professionali a livello nazionale nella Lega e, sul mio territorio, al Comune. Ho preso questa decisione dopo aver apprezzato la grande stima nei miei confronti, all’interno del partito che fa riferimento all’attuale ministro dell’Interno”. Intanto si legge in una nota del coordinamento locale dei salviniani: “Bramanti è professore ordinario di Scienze tecniche mediche applicate e direttore scientifico dell’Irccs ‘Centro Neurolesi “Bonino Pulejo’ ed è, tra l’altro, componente del Consiglio superiore della Sanità. Un professionista nel suo settore di grande prestigio nazionale e un uomo di profonde qualità umane che, di certo, rappresenta un valore aggiunto e saprà dare un contributo importante in politica a cominciare da temi delicati per il nostro Paese, quali quello sanitario e delle innovazioni tecnologiche. Il professore è, infine, una risorsa indispensabile per Messina, dove da decenni opera con profitto e grandi risultati”.  Indubbiamente questa mossa sbarra la strada a Cateno De Luca che forse voleva muoversi nella stessa direzione, ma sorprende molto gran parte del mondo politico che lo ha finora sostenuto. Al consolidarsi della manovra, si vedranno le reazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *