lombardia

Art.1 interroga il Sindaco di Sesto sulle aree ex Falck

Art.1 interroga il Sindaco di Sesto sulle aree ex Falck

Sesto San Giovanni 31/07/2018

 

La firma che sancisce il passaggio di parte delle aree Falck dal Comune di Sesto alla Regione e agli istituti di ricerca e cura che costituiranno la Città della Salute e della Ricerca corona un percorso lungo iniziato diversi anni fa dalla giunta guidata da Giorgio Oldrini e portato a compimento dall’amministrazione guidata da Monica Chittò; un percorso non semplice di costruzione di un futuro di eccellenza che va oltre i confini della città e oltre quelli della città metropolitana, costruito tessendo anche con fatica rapporti e progetti condivisi con i governi che si sono succeduti e con Regione Lombardia.

Un lavoro lungo che ha richiesto costanza e applicazione, partito dall’ottica lungimirante di dare un futuro ad una parte consistente del nostro territorio per restituirlo alla città e ad una larga comunità dopo la chiusura delle fabbriche.

L’attuale amministrazione comunale chiamata a metter delle firme su quanto scritto dalle amministrazioni precedenti nella persona del sindaco e dell’assessore Lamiranda attraverso lunghi e autocompiacenti comunicati rivendica un merito alquanto discutibile giacché gli allora consiglieri comunali Di Stefano e Lamiranda votarono contro quel progetto e ad esso si opposero.

Un tassello importante è stato messo al suo posto, ora ci dica l’amministrazione comunale cosa intende fare del resto delle aree Falck, di quanto vuole diminuire la superficie di parco pubblico, di come intende far convivere nella stessa area l’eccellenza pubblica con la vorace sanità privata, ci dica quale idea originale di futuro ha per questa area e per l’intera città, dopo un anno di governo sarebbe doveroso nei confronti della città, di quanti li hanno votati e anche di quanti non li hanno votati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *