attualità primo piano

De Luca turbosindaco, Bramanti si autoproclama leader dell’opposizione

MESSINA De Luca turbosindaco, Bramanti si autoproclama leader dell’opposizione di Giovanni Frazzica

Le consultazioni del sindaco Cateno De Luca vanno avanti con un ritmo incessante. Dopo avere ricevuto singolarmente o a gruppi tutti i consiglieri comunali, qualcuno anche alle sei del mattino, il primo cittadino ha ricevuto a Palazzo Zanca i consiglieri comunali eletti con la lista Bramanti sindaco. Con  Dino Bramanti, che ha accettato il seggio di consigliere, c’erano Salvatore Sorbello, Giovanni Scavello e Giovanni Caruso, quest’ultimo molto vicino a Calogero Leanza, figlio dell’ex-Presidente della Regione siciliana Vincenzo Leanza. Assente, per motivi non resi noti, Salvatore Serra, l’unico consigliere uscente ospitato nella lista Bramanti Sindaco e riconfermato. “L’incontro è stato molto cordiale – ha fatto sapere De Luca – ed è stata ribadita l’esigenza di portare in Consiglio comunale il bilancio che è già stato esitato dalla Giunta Accorinti e soprattutto che il Sindaco non si occuperà delle dinamiche riguardanti l’elezione degli organi del Consiglio comunale. Da parte dei presenti c’è stata la massima disponibilità senza preconcetti a collaborare per quanto riguarda ogni singola iniziativa che sarà proposta scevra da qualunque tipo di animosità. Sono molto soddisfatto della riunione, che rappresenta un altro passaggio importante per la partecipazione al Governo della Città”. Per meglio posizionarsi, Dino Bramanti ha organizzato un incontro nella Chiesa di Santa Maria Alemanna con i suoi sostenitori per cercare di non disperdere completamente il consenso ottenuto nella corsa a sindaco e di ricavarne, sotto forma di movimento civico, una riserva di voti da mettere a disposizione di Musumeci e Razza per le prossime elezioni europee. Alla presenza degli ex assessori designati in prima battuta, dei componenti e consiglieri eletti, l’assemblea ha invitato il Prof. Bramanti a rappresentare gli interessi della città in seno al consiglio comunale. Lo ha sollecitato inoltre a verificare la costruzione di un percorso comune con le altre forze politiche presenti in consiglio comunale. Di impegnarsi, ove possibile, all’applicazione del programma già concordato e condiviso in fase pre-elettorale. L’assemblea degli amici di Bramanti ha invocato la creazione un’opposizione costruttiva, che guardi al bene della città. La stessa assemblea ha sollecitato a dare vita, conferendone la leadership allo stesso Bramanti, ad un movimento politico civico, che abbia come obiettivo il soddisfacimento dei bisogni dei cittadini in un territorio trascurato e difficile così come da impegno iniziale, base della costituzione della lista civica Bramanti Sindaco. Proprio alla luce delle indicazioni che sono emerse dai partecipanti alla sua assemblea, Dino Bramanti si è ovviamente espresso favorevolmente a far parte del nuovo Consiglio Comunale. Più brillante l’attività del nuovo Sindaco, sul piano degli incontri istituzionali l’on. De Luca, che sta per lasciare il seggio all’Ars per concentrarsi sul lavoro di sindaco, ha già incontrato con un una serie di passaggi caratterizzati da una velocità incredibile, l’Autorità giudiziaria, il Vescovo, Confcommercio, l’Autorità Portuale ed in particolare il Prefetto, Maria Carmela Librizzi, ed il Questore, Mario Finocchiaro con cui De Luca ha stretto un’intesa verbale incentrando l’attenzione sui tanti episodi di bullismo tra i giovani e i molteplici atti di vandalismo oltre a fenomeni di microcriminalità soprattutto in certe periferie dove regna l’emarginazione sociale e la poca considerazione delle Istituzioni da anni. Tra gli impegni del suo programma “c’è quello della collaborazione con le Forze dell’Ordine, per cercare di promuovere tra i cittadini il rispetto della legalità e la corretta educazione civica”. Così sono state focalizzate anche le problematiche inerenti all’ordine pubblico. “Riteniamo indispensabile – ha dichiarato al Capo della Polizia di Stato – il potenziamento delle azioni di controllo per la sicurezza a livello locale e siamo certi che con la collaborazione delle Forze dell’Ordine, riusciremo nel nostro intento”. Il Sindaco ha poi constatato che la reazione a situazioni di degrado diventa spesso quella di distruggere l’ambiente esterno quindi gli arredi e altri siti comunali. Il Questore Finocchiaro ha assicurato la massima collaborazione della Polizia per contrastare questi e altri fenomeni, e ha rimarcato che, con la sinergia con l’Amministrazione, le altre forze dell’ordine e la polizia municipale si riuscirà a garantire come sempre la sicurezza ai cittadini. Il Sindaco si è quindi impegnato a mettere in atto dei programmi di inclusione sociale e sicurezza che prevedano l’istallazione di telecamere, il miglioramento dell’illuminazione e altri dispositivi, come strumenti utili a migliorare la qualità di vita dei cittadini e la loro incolumità. In un secondo giro di incontri il sindaco ha visto l’Ispettore ripartimentale delle Foreste, Antonino Lo Dico, il Comandante dei Vigili del Fuoco, Pietro Foderà, il Soprintendente ai Beni Culturali, Orazio Micali, rappresentante del C.I.R.S. ed il rettore dell’Uninivesità di Messina Salvatore Cuzzocrea che lo ha accolto, insieme al Prorettore Vicario, prof. Giovanni Moschella, al Prorettore agli Affari Generali, prof. Luigi Chiara ed al Direttore Generale, prof.ssa Daniela Rupo. “E’ stata ribadita, da parte di Palazzo Zanca – ha commentato il Sindaco – la piena disponibilità a collaborare con l’istituzione universitaria, sia in relazione ai percorsi riguardanti la filiera dei Corsi universitari e del mondo del lavoro, sia mediante delle strategie di delocalizzazione su cui è importante puntare per la realizzazione di Master o progetti formativi che effettivamente possano sfornare delle figure professionali adeguate alle richieste dell’odierno panorama lavorativo. Sono anche stati fatti dei riferimenti su quelli che sono i beni immobili, di proprietà comunale, che sono stati dati in consegna all’Ateneo. Su questi ultimi vi è la necessità di rivedere quelli che sono i criteri di assegnazione, per far sì che il Palazzo Municipale possa valorizzarli al meglio in considerazione delle difficoltà finanziarie in cui versa l’Ente”. Nel corso dell’incontro, inoltre, è stato affrontato anche il tema della società Innova BIC e sono stati concordati i successivi provvedimenti da adottare. Adesso De Luca prevede anche un nuovo viaggio a Palermo per incontrare il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, ed il presidente del Parlamento Siciliano, Gianfranco Miccicchè.

. pubblicato sul settimanale I VESPRI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *