attualità primo piano

Il Papardo non si tocca!!! NO al “Risiko” degli Ospedali

Il Papardo non si tocca, le lancette dell’orologio della Storia non possono tornare indietro!!! NO al “Risiko” degli Ospedali

Abbiamo appreso dalla stampa cittadina che una forza politica di maggioranza ha presentato un disegno di legge all’ARS, al fine di accorpare l’Azienda Ospedaliera Papardo all’IRCCS Neurolesi di Messina, facendo apparire tale accorpamento come la migliore soluzione possibile per salvare l’Ospedale Papardo da un sicuro declino designato dalla politica siciliana durante il governo Crocetta.

Infatti, la Rete Ospedaliera di cui al Decreto Assessoriale n. 629 del 31 marzo 2017 non solo ha ridotto di circa 80 posti la dotazione dei posti letto del Papardo, ma ha anche declassato in DEA di 1° livello la prestigiosa struttura Ospedaliera messinese, che, va ricordato, era stata classificata come Ospedale di Emergenza di 3° livello, l’unico della provincia di Messina (L.R. 5/2009).

Inoltre sono state declassate ben 7 Strutture Complesse di cui alcune di riferimento regionale, quale ad esempio Dermatologia e Malattie Infettive, consentendo il mantenimento delle stesse al Policlinico Universitario di Messina sol per garantire l’accreditamento delle scuole di specializzazione, a prescindere dalla necessaria ed obbligatoria (ai sensi del D.M. n. 70/2015) comparazione delle unità operative interessate, in merito a produttività, numero di ricoveri e livello di DRG.

Per difendere l’Ospedale Papardo da questa grave spoliazione la UIL, la UIL-FPL e l’ANAAO-ASSOMED, nei mesi scorsi, hanno avviato tutte una serie di iniziative, quali ad esempio: la raccolta, in pochissimi giorni, di circa 4.000 firme a sostegno della Petizione inoltrata alle varie Autorità, Assemblee popolari, conferenze stampa, Assemblee del Personale del Papardo e per ultimo una formale richiesta di incontro al nuovo Assessore regionale alla Salute dr. Ruggero Razza, purtroppo, a tutt’oggi senza alcun positivo riscontro.

La UIL, la UIL-FPL e l’ANAAO-ASSOMED dicono NO al Disegno di Legge di “Modifica dell’art. 8 della L.R. n.5 del 14 aprile 2009” presentato all’ARS da alcuni deputati di Forza Italia, prendiamo questa chiara posizione intanto perché, preliminarmente l’accorpamento di una Azienda Ospedaliera, dove si produce salute, non è in alcun modo assimilabile a qualunque altra Azienda non sanitaria e quindi non deve rispondere a criteri che, e ne abbiamo esempi eclatanti in questi ultimi anni, somigliano a “risiko” bancari o industriali. Inoltre, non dimentichiamoci che il Decreto Balduzzi prevede la soppressione di unità operative doppioni all’interno della stessa Azienda, proprio per questo Vullo voleva chiudere il Piemonte.

La premessa del Disegno di Legge è in sé una clamorosa conferma della ridotta sensibilità che, intorno alla questione del declassamento del Papardo, hanno mostrato molti esponenti politici della Città Metropolitana di Messina. Affermare, infatti, che l’accorpamento si fa perché sono state tolte e declassate molte unità operative, strategiche per garantire i corretti percorsi assistenziali e mantenere i LEA per i cittadini, equivale, ci sia consentito, ad essere blasfemi all’interno di un luogo di culto.

Nella recente campagna elettorale regionale vi è stato un grande assente, vale a dire: il grande problema rappresentato dall’Ospedale Papardo. E, probabilmente, forse per questo, qualcuno ha pagato dazio con la non rielezione all’ARS.

Noi sentiamo aria di “déjà vu” e, infatti, desideriamo ricordare la primavera del 2010 con i moti popolari e le fiaccolate a difesa del Piemonte, ospedale dichiarato non rispondente alla normativa antisismica e per il quale un countdown inesorabile che ne ritmava la chiusura è stato sventato in extremis grazie al fatto che chi dirigeva l’Azienda Papardo-Piemonte dal 2014 è stato messo nelle condizioni di non nuocere dalla Legge 24 del 9 ottobre 2016. Legge voluto dai cittadini, dal Sindacato e da qualche politico di buona volontà.

La vera battaglia sulla quale saremo in prima linea, riguarda l’impegno a coinvolgere i politici messinesi a non sostenere e respingere questo Disegno di Legge, e, al contempo, a difendere l’Ospedale Papardo affinché lo stesso possa riacquistare la dignità di DEA di 2° livello: un riconoscimento che gli spetta per la complessità e la completezza delle sue strutture assistenziali

Un Ospedale, unico nel bacino di Messina, in cui è presente Cardiochirurgia a completare il percorso diagnostico terapeutico delle malattie cardiovascolari, in cui certamente non vi è il Polo Oncologico (e di questo presto o tardi l’Unione Europea chiederà conto alla Sicilia ed all’Italia), ma nel quale vi sono strutture che garantiscono diagnostica e terapia ai massimi livelli nello specifico settore; ma, ancora, si tratta di un nosocomio nel quale si trovano strutture di Riferimento Regionale per malattie come l’HIV e la Psoriasi, ed ancora la Centrale Operativa del 118 con Elisoccorso.

L’Ospedale Papardo oggi è sostenuto dalla professionalità dei dirigenti e di tutto il personale sanitario che opera sempre di più in un clima di emergenza per le dotazioni organiche ridotte e per pesanti turni di lavoro.

Pertanto, per UIL, UIL FPL e ANAAO-ASSOMED si apre una stagione che punta, sic et simpliciter, non solo alla salvezza del Papardo, ma al suo indispensabile rilancio per offrire un servizio indispensabile a favore della collettività siciliana e calabrese.

Noi ci siamo e non arretreremo di un millimetro.

Aspettiamo adesso una risposta dalle Istituzioni e soprattutto dal Presidente della Regione e dal Suo Assessore alla Salute!

Messina, 10 febbraio 2018

 

 

                Il Segretario Provinciale UIL                                                  Il Segretario Reg.le ANAAO-ASSOMED

                                           Ivan Tripodi                                                                                      Pietro Pata

                       Il Segretario Prov.le UILFPL                                              Il Coord. Prov.le UILFPL MEDICI

                  Giuseppe Capai                                                                           Mario Salvatore Macrì

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *