cronaca primo piano Uncategorized

Ars, Luigi Genovese proponente per il passaggio del Papardo all’IRCSS

Ars, Luigi Genovese proponente per il passaggio dell’Ospedale Papardo all’IRCSS

Questo il testo presentato all’Assemblea regionale:

Atti parlamentari                                                                                              Assemblea regionale siciliana

 

XVII Legislatura                                                    Anno 2018

 

          ASSEMBLEA REGIONALE SICILIANA

DISEGNO DI LEGGE

 

presentato dal deputato: GENOVESE

il  7 febbraio 2018

Modifica dell’articolo 8 della legge regionale 14 aprile 2009 n. 5 – Trasferimento della gestione dell’Ospedale “Papardo” all’I.R.C.C.S

—-O—-

RELAZIONE DEL DEPUTATO PROPONENTE

  Onorevoli colleghi,

il disegno di legge che si sottopone all’approvazione del Parlamento siciliano vuole assicurare il buon funzionamento di un sistema sanitario universale, solidale e vicino alle esigenze di salute di tutta la popolazione, anche in considerazione della alta densità della stessa in relazione alla particolare estensione territoriale di Messina.

È fondamentale assicurare i servizi di primo livello ed emergenza – urgenza negli ospedali, soprattutto quelli dislocati nelle aree metropolitane, e risulta altresì cruciale – in termini di importanza ed efficacia – l’offerta di servizi sanitari competitivi, funzionali, e giocoforza conformi agli standard di efficienza ed efficacia dei parametri previsti dalla rete ospedaliera nazionale e regionale. In tale prospettiva, si rende necessario un intervento che riguardi l’Ospedale “Papardo”, considerate le limitazioni che hanno riguardato la struttura, investita da un sensibile ridimensionamento di fondamentali reparti, tra i quali Neurochirurgia, Otorinolaringoiatria, Malattie Infettive e Nefrologia, passate da unità operative complesse a unità operative semplici, con la conseguenziale riduzione del numero dei posti letto e del personale addetto. La struttura in oggetto, peraltro, è andata incontro alla chiusura di importanti reparti, quali Oculistica ed Endocrinologia.

 Da qui il proposito espresso nella proposta di modifica dell’art. 8 della legge regionale 5/2009, con il passaggio della gestione amministrativa dell’Ospedale “Papardo” all’IRCSS.

 

L’intervento è finalizzato al miglioramento dell’offerta complessiva, attraverso l’erogazione di servizi più efficienti, che rispondano alle esigenze dell’utenza del territorio, procurando, peraltro, risparmio economico per le finanze dell’attuale Azienda Ospedaliera.

Mirando al perseguimento della direzione sopraesposta, il disegno di legge si prefigge il raggiungimento dell’obiettivo, di certo ambizioso, del miglioramento continuo del Servizio sanitario regionale (SSR), anche attraverso eventuali variazioni negli assetti sanitari aziendali.

La riorganizzazione dell’ospedale “Papardo”, e l’auspicabile passaggio sotto la gestione dell’IRCCS, consentirebbe, inoltre, di ipotizzare non solo la riattivazione dei suddetti reparti, ma anche il potenziamento di  quelli di degenza, evitando i rischi attualmente presenti nella gestione dell’emergenze, con trasporti continui tra le varie strutture “Piemonte”  e “Papardo”, in particolare nei gravi casi di patologie acute cardiache o respiratorie, ed in tutte le altre ipotesi di emergenza in cui la tempistica d’intervento diviene fondamentale in termini di efficacia del risultato.

 

In conclusione, corre l’obbligo di ribadire la necessità del mantenimento del patrimonio immobiliare originario (ovvero riscontrabile nella fase precedente ad un’eventuale fusione) dell’Ospedale “Papardo”, giacché  la sua indisponibilità ed intrasferibilità nasce da quanto disposto dalla legge 5, dal principio costituzionale disposto dall’art. 42 della costituzione ed anche dalla funzione che tale patrimonio rappresenta circa la solvibilità dell’azienda “Papardo” nella misura in cui costituisce garanzia patrimoniale nei confronti dei creditori,  pertanto la sua intrasferibilità è stata da sempre lapalissiana.

—O—

DISEGNO DI LEGGE DI INIZIATIVA PARLAMENTARE

Art. 1.

Modifiche dell’articolo 8 della legge regionale 14 aprile 2009 n. 5

  1. L’articolo 8 della legge regionale 14 aprile 2009, n. 5 è così modificato:

Dopo il comma 4 bis sono aggiunti i seguenti commi:

4 ter. A decorrere dall’1 settembre 2018 la gestione e le competenze dell’Ospedale “Papardo” viene accorpata all’I.R.C.C.S. centro neurolesi “Bonino Pulejo” di Messina, che mantiene la denominazione attuale.

4 quater. I beni immobili dell’ospedale “Papardo”, provenienti dal patrimonio immobiliare originario, ovvero riscontrabile nella fase precedente alla fusione, permangono allo stesso e avranno come fine l’utilizzo della garanzia o dell’alienazione per ristrutturazione del padiglione dell’attuale sito dell’Ospedale “Papardo”.

Art. 2.

Norma finale

  1. La presente legge sarà pubblicata nella Gazzetta ufficiale della Regione siciliana.
  2. É fatto obbligo a chiunque spetti di osservarla e di farla osservare come legge della Regione.

 

Genovese

                                                                                                                      Milazzo

                                                                                                                      Calderone

                                                                                                                      Caronia

                                                                                                                      Cannata

                                                                                                                      Gallo

                                                                                                                      Mancuso

Papale

                                                                                                                      Pellegrino

                                                                                                                      Savona

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *