attualità Cultura

MESSINA, CON SIMONA TRENTACOSTE PER “BALOCCHI” ED “ESOSCHELETRI”

MESSINA, CON SIMONA TRENTACOSTE PER “BALOCCHI” ED “ESOSCHELETRI”

“È stato pazzesco! Avrei voluto trovare una forma più composta per esprimerlo ma il termine che trovo più appropriato è ‘pazzesco’. Da quella master class a Messina sono tornata a casa con l’emozione che ribolliva sulla pelle. Artisti giovani, pieni di talento ed entusiasmo, seri e ricettivi. Insieme non abbiamo sentito il peso delle ore che scorrevano… Grandi loro e grande Sasà Neri che con i suoi ensemble artistici è il fulcro e il promotore di progetti e attività di grande valore culturale, professionale, umano ed educativo”. Simona Trentacoste, straordinaria voce jazz, torna per la seconda volta ospite speciale e coach specialissima dei performer della Luna Obliqua. L’appuntamento, riservato ai Balocchi e agli Esoscheletri, è per domenica 21 gennaio e si terrà nella sede di Oltredanza Messina, messa a disposizione dalla coreografa Claudia Bertuccelli, che collabora con Neri da alcuni anni.

Palermitana, 33 anni compiuti da un paio di mesi, due diplomi di maturità (liceo artistico e liceo socio-psicopedagogico) e in corsa per la laurea in canto jazz al Conservatorio Bellini della sua città, Trentacoste, che alla master class a Messina sarà accompagnata al piano dal maestro Francesco Pisano, ha già cantato in tutta la Sicilia e in mezza Italia e, con il gruppo vocale Seiottavi, si è esibita per “A cappella summit di Treviso” e al concerto di Natale dell’Istituto di cultura italiana di Stoccarda, in Germania. Figlia d’arte, precocemente salita alla ribalta nazionale come concorrente di “Amici” nel lontano 2004, Simona è stata, tra l’altro, prima classificata per il premio “Rock 10eLode” e corista della cantante israeliana Noa, ha partecipato al Premio Nazionale delle Arti del Conservatorio “Giuseppe Verdi” di Torino, ha aperto rassegne jazz nazionali e internazionali, si è esibita nell’Auditorium Rai, è stata solista dell’orchestra Sinfonica Siciliana. È la voce solista del cd “Melopee” per Mothia, di Mario Modestini (2002), del cd  “I sing standards” di Gaetano Riccobono (2014) e del cd “Raccontare un’altra età” di Antonio Marraffa (2015). Ha collaborato con Sergio Munafò, Riccardo Lo Bue, Riccardo Randisi, Orazio Maugeri, Alessandro Presti, Nello Toscano, Giuseppe Urso, Dario Sulis, Ciro Pusateri, Diego Spitaleri, Marcello Pellitteri, Ruggero Rotolo, Toni Piscopo, Gaetano Riccobono, Daria Biancardi, Mario Bellavista, Roberto Gervasi, Carmelo Venuto, Carla Restivo, Francesco Pisano, John Serry, Humberto Amésquita, Gianni Gebbia, Lucio Turco, Gianni Cavallaro, Luca Trentacoste, Gianni Cazzola, Andrea Beneventano, Davide Inguaggiato, Giuseppe Campisi, Luigi Scaccianoce, Manfredi Caputo, Sergio Cammalleri,Giuseppe Milici, Rino Cirinnà.

“Una master class è sempre un’opportunità di scambio, crescita e confronto”, dice Simona Trentacoste alla vigilia del nuovo incontro con i performer di Sasà Neri. “La volta precedente sono partita da casa con una carpetta di partiture, argomenti di cui parlare e storie da raccontare e sono tornata con la netta sensazione che loro avessero arricchito me con emozioni e passione fortissima.  Oltre ai contenuti, che non sono stati pochi, ho cercato di raccontare loro il mio amore per la musica e per il jazz in particolare e la risposta dei ragazzi è stata uno spettacolo. Non vedo l’ora che arrivi domenica”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *