attualità primo piano

Elezioni, seggio sicuro per Casini, Renzi senatore a Napoli, Boschi a Reggio 

Elezioni, seggio sicuro per Casini, Renzi senatore a Napoli, Boschi a Reggio Calabria

Problemi per la figlia dell’ex ministro Salvatore Cardinale, che ha un buon pacchetto di voti, ma ha il problema di essere il leader di un partito diverso, talvolta in flirt con il centrodestra. Al Nazareno Renzi ha incontrato i suoi omologhi regionali insieme a Maurizio Martina, Matteo Orfini, Lorenzo Guerini e Andrea Rossi. In una delle poche regioni, l’Emilia Romagna,  che assicura ai dem la maggioranza appare quasi certa la cessione di tre posti agli alleati nei collegi uninominali. Tra questi quello sicuro per Casini, mentre filtrano rumors sull’intenzione del ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, di non candidarsi. Più delineata la questione in Campania. Il segretario regionale, Assunta Tartaglione, ha presentato a Renzi la lista dei dem da candidare in Campania. Nell’elenco, secondo l’agenzia Ansa, ci sono i parlamentari uscenti – tranne Salvatore Piccolo, che ha deciso di non ricandidarsi – e anche Piero De Luca, figlio del governatore della Campania, che sarà candidato a Salerno. Una candidatura, quella dell’erede, fortemente voluta dal presidente, che – secondo numerosi retroscena – per questo motivo sarebbe sceso in campo personalmente ai tempi della campagna elettorale per il referendum costituzionale. Renzi, come è noto, correrà al Senato a Napoli città e sarà capolista nel proporzionale. Siani potrebbe essere candidato sia nell’uninominale (Vomero) che nel proporzionale (Napoli). Dal governo, dovrebbe esserci Claudio De Vincenti (Napoli). A parte i diversi uscenti riproposti (Migliore, Famiglietti, Tartaglione, Del Basso de Caro, Di Lello) di certo sarà in gara a Caserta per la Camera Stefano Graziano, diventato il volto del garantismo in casa dem. Graziano, infatti, era stato indagato per concorso esterno in associazione camorristica nell’aprile del 2016, alla vigilia delle amministrative, nell’ambito di un’inchiesta della Dda di Napoli che aveva portato all’arresto per presunte tangenti dell’ex sindaco di Santa Maria Capua Vetere Biagio Di Muro; la vicenda fece molto scalpore. A settembre, però, la Procura Antimafia chiese e ottenne dal Gip di Napoli l’archiviazione per la grave accusa. Le carte delle indagini sono state poi passate alla Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere perché accertasse la sussistenza del reato di corruzione elettorale semplice; anche in questo caso però, l’ufficio inquirente ha chiesto e ottenuto l’archiviazione. Non correrà in Campania, a dispetto delle parole dello stesso Renzi, Maria Elena Boschi, che invece potrebbe essere inserita nel listino a Reggio Calabria.  Il collegio senatoriale di Reggio resta sempre a disposizione di Marco Minniti. Il ministro dell’Interno, però, in queste ore rientra anche nel totonomi in Veneto, per il plurinominale a Venezia alla Camera o al Senato nel collegio Verona-Vicenza-Padova. Sarà sempre domani, poi, che Renzi dovrà anche affrontare il nodo Sicilia, nell’incontro col segretario isolano, Fausto Raciti. Il punto nell’isola è che i collegi uninominali (19 alla Camera e 9 al Senato) vengono dati per difficilissimi da conquistare, così è caccia al proporzionale dove i dem contano di avere almeno 10 seggi sicuri. I nomi blindati ad ora sono quelli di Fausto Raciti e Davide Faraone. Qualche malumore nelle ultime ore è emerso per la ricandidature di Daniela Cardinale, a Caltanissetta alla Camera. Si tratta della figlia dell’ex ministro Dc Salvatore Cardinale, leader di Sicilia Futura, una lista lista fai-da-te costituita da una serie di ex del centrodestra: nei giorni pari è una sorta di corrente interna al Pd, in quelli dispari un partito autonomo. Alle regionali siciliane alcuni suoi candidati sono stati accusati di aver praticato il voto disgiunto per Nello Musumeci, mentre i due eletti all’Assemblea regionale siciliana hanno votato come presidente Gianfranco Micciché. Polemiche infine sono nate per la candidatura ad Avellino di Giuseppe De Mita, nipote di Ciriaco.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *