economia

Il Teatro Vittorio Emanuele esiste solo per pagare stipendi (60 lavoratori)

Il Teatro Vittorio Emanuele esiste solo per pagare stipendi (60 lavoratori)

Non vede futuro per il Teatro Vittorio Emanuele il presidente Luciano Fiorino, ma non pensa ancora di dimettersi. Prevede che a partire da maggio non vi sarà nessuna possibilità di programmare la prossima stagione. Lo ha detto in commissione cultura: “Il quadro è sempre lo stesso. I fondi su cui il teatro può contare sono il contributo regionale di 3,8 milioni che ci consentono di pagare appena gli stipendi e le utenze, 40 mila euro del Ministero dei Beni culturali e del Turismo e poi il famoso fondo Furs che praticamente ci è stato cancellato. Non ci è ancora stato comunicato ufficialmente che non avremo diritto ai 500 mila euro del Furs, ma sembra che la relazione degli ispettori che dovevano verificare i requisiti per poter ottenere il fondo sia negativa, sia per l’anno in corso che per il 2016. Quindi mancherà 1 milione di euro. A queste condizioni un ente non può programmare cultura”. Il debito è di 1,2 milioni, ma quel che è peggio la credibilità è stata persa negli ultimi anni per il dramma sembra eesre giunto all’epilogo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *