attualità

Cracolici, Orlando e l’Arcivescovo Lorefice presentano “Itinerarium Rosaliae”

Il cammino di Santa Rosalia diventa un percorso turistico religioso. Domani alle 15,30 Cracolici, Orlando e l’Arcivescovo Lorefice presenteranno “Itinerarium Rosaliae” al Santuario di Monte Pellegrino.

Domani, giovedì 1settembre alle 15,30, presso il Santuario di Santa Rosalia sul Monte Pellegrino a Palermo, sarà presentato in conferenza stampa l’ “Itinerarium Rosaliae”, un cammino religioso e naturalistico alla scoperta dei luoghi in cui ha vissuto e si è rifugiata la Santa. Il percorso, praticabile a piedi, in bici o a cavallo, attraversa 3 riserve naturali ( Ficuzza, Serre della Pizzuta, Monte Pellegrino), il Parco dei Monti Sicani e 15 Comuni per un totale di oltre 180 Km, collegando il Santuario di Santa Rosalia di Montepellegrino e l’Eremo di Santo Stefano di Quisquina.  Il progetto è stato promosso dall ‘Assessorato Regionale all’Agricoltura,  grazie ad un finanziamento   del PSR 2007 – 2013. Nella conferenza stampa di domani verrà presentata anche una speciale app, realizzata nell’ambito del progetto, che permetterà ai pellegrini e ai turisti di orientarsi lungo il sentiero, fornendo dettagli precisi sulla posizione e di avere informazioni in tempo reale sulla storia, le eccellenze, i punti ricettivi e gli eventi promossi nei territori interessati dal percorso; inoltre verrà presentato il video che racconta il cammino della Santa. Il filmato descrive il valore religioso, monumentale e naturalistico dell’ “Ininerarium Rosaliae”.

Alla conferenza stampa parteciperanno l’assessore regionale all’Agricoltura Antonello Cracolici, l’Arcivescovo di Palermo, Mons. Corrado Lorefice,  i rappresentanti delle diocesi di Agrigento, Monreale e Piana degli Albanesi,  i sindaco di Palermo Leoluca Orlando, i primi cittadini di Altofonte, Bisacquino, Bivona, Burgio, Campofiorito, Castronovo, Chiusa Sclafani, Contessa Entellina, Corleone, Monreale, Palazzo Adriano, Piana degli Albanesi, Prizzi, Santo Stefano di Quisquina e i rappresentanti dei Gal dei territori coinvolti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *