primo piano

ACLI, Gallo: dall’emergenza rifiuti alla libertà di stampa

Associazioni Cristiane Lavoratori Italiani

                               

NOTA DEL PRESIDENTE PROVINCIALE DELLE ACLI DI MESSINA ANTONIO GALLO: DALL’EMERGENZA RIFIUTI ALLA LIBERTA’ DI STAMPA.

 La querelle relativa alla emergenza rifiuti (comprese le erbe selvagge che germogliano gioiose lungo alcuni marciapiedi) sottolinea la deriva sempre più integralista ed ideologica della Giunta Accorinti. Infatti se essa è salvifica ed ideologicamente perfetta, per questo motivo al Governo della Città, come può mai la semplice constatazione di un fatto contrastarla??? Tanto peggio per il fatto: deve essere sbagliato!?!

Al di là delle battute, è chiaro che tornano ad emergere tutte le contraddizioni di un fenomeno che si è rivelato vuota antipolitica, che è stato incapace di dialogare con i grandi soggetti popolari perché chiuso nel castello della sua perfezione salvifica.

È anche vero purtroppo che emergono tutte le responsabilità ed inadeguatezze di quelle aree politiche che, poco più di tre anni fa, hanno chiesto ai cittadini un voto per battere l’avversario da loro ritenuto più pericoloso, anziché percorrere la strada di un confronto al ballottaggio tra i progetti rimasti in campo, tra le capacità di determinare alleanze e quindi provare a far sentire la voce di Messina fuori dalla stessa città.

Il richiamo per noi è quindi alle grandi tradizioni non localiste ma autonomiste dei cattolici democratici, dei laici riformisti o in alternativa alla tradizione liberale, dalle cui classi dirigenti anche a Messina dovranno pervenire proposte valide per il governo della Città.

È dunque il caso di riflettere, in ogni consesso elettivo, astenendosi possibilmente dal raccontare la favoletta che la colpa è di “ quellichec’eranoprima”, ricordando sempre che la libertà di stampa è un valore assoluto della democrazia e che va difesa, come intendiamo fare per quel che ci compete, sia quando se ne condividono le opinioni, sia quando non le si condividono, fermo restando che i fatti sono fatti e la stampa assolve al suo dovere civico rilevandoli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *