primo piano

Milazzo e Messina, dissesti gemellari, cede anche Luca Eller

Milazzo e Messina, dissesti gemellari, alla fine cede anche Luca Eller

Luca Eller, già assessore al bilancio al Comune di Sesto Fiorentino ha detto al Consiglio comunale: “Se prima le probabilità erano del 50%, adesso sono aumentate almeno al 60-65, questo Comune è messo male, i margini possono ancora esserci ma solo se si attiva un serio lavoro di squadra”. I tempi sono strettissimi. “Entro la prima decade di settembre la giunta deve varare il piano di riequilibrio. Per capire se davvero si potrà evitare il dissesto aspetto di capire la reattività, solo dopo e con un monitoraggio settimanale potrò davvero dire se l’inversione di rotta è possibile”. A Milazzo invece il sindaco, Giovanni Formica, sostiene: “Il dissesto è a questo punto inevitabile”. Dunque una città che dichiara dissesto per due volte in tre anni, era già successo a gennaio del 2013, quando il commissario ad acta, Margherita Catalano, aveva lo aveva dichiarato quale atto dovuto perché il consiglio comunale si era rifiutato di votare il dissesto. Gli stessi consiglieri avevano poi impugnato il provvedimento di fronte al Tar e fu dato loro ragione dal tribunale amministrativo a luglio del 2015. Dissesto annullato un mese dopo l’elezione del nuovo sindaco, per Milazzo sembravano aprirsi le porte di una rinascita. Poco più di un anno dopo una nuova tegola, la nuova amministrazione a fine agosto tornerà alla dichiarazione del 2013: “All’epoca i debiti erano appena di 10 milioni, la ricognizione che abbiamo fatto invece ne rivela 46”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *