primo piano

Ispezione Cas: CittadinanzAttiva da sostegno all’ing. Sciacca

COMUNICATO

CittadinanzAttiva ha sempre giudicato il Consorzio per le Autostrade Siciliane un inutile, quanto inefficieCITTADINANZnte carrozzone, realizzato dalla Regione Siciliana in aperto spregio allo Statuto Speciale (art. 14, 1. L’Assemblea, nell’ambito della Regione e nei limiti delle leggi costituzionali dello Stato, senza pregiudizio delle riforme agrarie e industriali deliberate dalla Costituente del popolo italiano, ha la legislazione esclusiva sulle seguenti materie: … lett. g) lavori pubblici, eccettuate le grandi opere pubbliche di interesse prevalentemente nazionale; …). E si è già occupata del CAS in occasione della relazione Arnone, che aveva messo in evidenza inefficienze e notevole sperpero (e non solo) di danaro pubblico. In questi giorni registriamo, dalla stampa cittadina, con grande sorpresa la notizia che il deputato Pd Filippo Panarello vuole mandare degli ispettori regionali a controllare l’operato degli ispettori del lavoro di Messina e per ottenere questo risultato presenta un’interrogazione e si scaglia contro l’azione messa in atto dall’Ispettorato diretto dall’ing. Sciacca nei confronti di quattro dipendenti del Cas. Premesso che, a memoria d’uomo, l’on. Panarello non era mai intervenuto sul Cas, ne’ in presenza di fatti gravi inerenti la gestione, ne’ per denunciare situazioni di malfunzionamento e di pericolo delle tratte autostradali, appare sensazionale che intervenga allorquando l’Ispettorato del Lavoro ha fatto scattare una dura sanzione nei confronti del Cas per un uso spregiudicato degli straordinari: multa da 1 milione di euro per il Consorzio Autostrade e provvedimenti per quei quattro dipendenti dell’ufficio personale che inevitabilmente muovevano tutti i rapporti dell’organizzazione lavorativa del personale. Probabilmente Panarello, lontano ormai da anni dalla dimensione sindacale, non è riuscito a valutare che mentre venivano assegnate anche 500 ore annue di straordinario, i precari storici restavano fuori dai cancelli del Cas e che nella pianta organica dell’Azienda mancano almeno 80 unità. Era questo l’argomento su cui fare un’interrogazione parlamentare e non l’azione dell’Ispettorato che questa iniquità aveva scoperto. Se poi, per i quattro lavoratori colpiti da provvedimenti, c’è una posizione che comunque va, in un uno stato di diritto, tutelata, basta un buon avvocato e un bravo sindacalista. L’intervento dell’Ispettorato del Lavoro, cerca di mettere ordine in una gestione del personale che ritiene molto disinvolta, Noi che, contrariamente al predetto parlamentare, crediamo, nonostante tutto, nello stato di diritto, attendiamo che siano gli organi competenti, magistratura del lavoro, Corte dei Conti, etc, a pronunziarsi nel merito. Nelle more esprimiamo all’ing. Sciacca ed ai suoi collaboratori, presi così pesantemente di mira, la nostra massima solidarietà.

Messina 29.07.2016

CittadinanzAttiva Sicilia onlus Messina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *