cronaca

Stromboli, arrestato bidello, molestava alunne bambine

CARABINIERI

Secondo l’accusa avrebbe adescato alcune ragazzine per realizzare immagini a sfondo sessuale, i carabinieri arrestato il bidello della scuola, un uomo di 52 anni, perché molestava le alunne della scuola elementare  e l’hanno portato via all’alba. Nel pc delll’uomo i militari dell’Arma hanno trovato un vasto archivio di video con bambini, realizzati e poi condivisi sul web. Il caso è stato scoperto dopo il tentativo di adescamento di una ragazzina di 8 anni. Pornografia minorile quindi, detenzione di materiale pedopornografico e adescamento di minorenne le accuse contestate dal gip del tribunale di Messina Maria Militello che, accogliendo la richiesta del sostituto procuratore Annalisa Arena, ha firmato l’ordine di custodia cautelare in carcere, che è stato eseguito con puntualità e discrezione dai carabinieri della compagnia di Milazzo (anche se a Stromboli l’operazione non poteva passare inosservata)  ed hanno condotto il didello nel carcere di Gazzi. Sembra tuttavia che la piccola, maggiomente  attenzionata dal bidello, non abbia subito alcun tipo di violenza, però a casa e nel computer dell’uomo gli investigatori hanno trovato fotografie sue e di altri bambini utilizzate per fotomontaggi a evidente sfondo sessuale. Una storia delicata la bambina di 8 anni era invitata spesso a casa sua. E proprio questa strana frequentazione ha allarmato i genitori che hanno sporto denuncia ai carabinieri, quindi le successive perquisizioni dato conferma ai timori, infatti  nella casa dell’uomo è stata sequestrata una grossa quantità di materiale pedopornografico realizzato grazie ai montaggi delle foto dei bambini che poi l’uomo scambiava su Internet su siti dedicati. Molti file erano stati cancellati dal bidello ma, grazie al lavoro dei tecnici, la memoria del Pc ha restituito molti reperti inequivocabili. Per il pericolo di reiterazione del reato, il pm ha chiesto e ottenuto la custodia cautelare in carcere del soggetto indagato. A Stomboli la notizia ha destato molto scalpore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *