politica

A Sesto Valmaggi, Grassi e Lombardo ricordano Moro

Anche a Sesto San Giovanni  nella sede cittadina del PD in Via Fiorani  si è svolta, in una sala gremita per l’occasione, l’interessante iniziativa che ha come tema uno degli avvenimenti che hanno maggiormente segnato la nostra storia recente: il rapimento e l’uccisione del Presidente della Democrazia Cristiana Aldo Moro ad opera delle Brigate Rosse. La narrazione del rapimento e del suo sanguinoso epilogo avviene da un punto di vista inedito, attraverso i documenti di Stato e gli atti della Commissione Moro 2.

La serata, introdotta dal garante del PD cittadino Nicola Lombardo, ha offerto la  preziosa occasione di ascoltare la testimonianza dell’on Gero Grassi, Vicepresidente del Gruppo PD alla Camera dei Deputati e componente della Commissione d’inchiesta sul caso Moro.

E’ stata un’occasione più unica che rara di approcciare un evento così rilevante nella storia recente, attraverso atti e documenti governativi e la narrazione di chi, in prima persona, ha fatto parte della Commissione d’inchiesta – un momento importante di arricchimento e approfondimento storico non solo per quanti di noi hanno un ricordo diretto di quei terribili giorni, ma soprattutto per le nuove generazioni che ne sono venute a conoscenza solo attraverso i libri di storia.

La Vicepresidente del Consiglio Regionale Sara Valmaggi, nel portare all’iniziativa e al parlamentare di Terlizzi i saluti a nome del Consiglio regionale della Lombardia e della citttadinanza di cui è stata anche Assessore precedentenmente alla sua elezuione in Consiglio regionale, ha dichiarato che “Il modo migliore per costruire il nostro futuro è quello di conoscere a fondo il nostro passato e questa iniziativa vuole essere uno stimolo per le vecchie e nuove generazioni ad avvicinarsi alla storia in modo analitico e coinvolgente; onoltre ho molto appprezzato la scelta del Gruppo parlamentare del PD di pubblicare, con vari aggiornamenti e divulgare, gli atti di una commisisone di inchiesta “.MORO SESTO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *